Il dispositivo di assistenza alla deambulazione, provato dalla sportiva disabile Silke Pan
Il dispositivo di assistenza alla deambulazione, provato dalla sportiva disabile Silke Pan (Keystone)

Esoscheletro perfezionato

Twiice One, destinato ai disabili, ha ora dimensioni notevolmente ridotte. Più facile l'uso del dispositivo

Il Politecnico federale di Losanna (EPFL), dopo due anni di sviluppo, ha perfezionato una nuova versione dell'esoscheletro Twiice. Il dispositivo di assistenza alla deambulazione, provato dalla sportiva disabile Silke Pan, è più leggero ed efficiente e può essere indossato senza assistenza. Quest'ultimo fattore è stato definito un passo avanti essenziale dalla paraciclista residente ad Aigle (VD), già artista di circo diventata paraplegica dopo un incidente con il trapezio nel 2007. L'ergonomia del dispositivo permette di installarlo e rimuoverlo da soli, ciò che "consente autonomia", dice l'atleta.

Twiice One, come la versione precedente, è dotato di due motori elettrici per gamba, che muovono le articolazioni dell'anca e del ginocchio. Grazie ai nuovi attuatori integrati nel design le dimensioni dell'esoscheletro sono notevolmente ridotte, rendendone più facile l'uso, precisa una nota di martedì dell'EPFL. Il nuovo dispositivo ha una coppia motrice doppia rispetto al precedente per un volume dimezzato. Il peso rimane lo stesso, 16 chili, così come la durata della batteria, circa 3 ore.

ATS/WytA
Condividi