Clooney non ha proprio sopportato le parole razziste di Trump
Clooney non ha proprio sopportato le parole razziste di Trump (Reuters)

Clooney bacchetta Trump

L'attore stigmatizza le frasi razziste dette dal miliardario in campagna elettorale sui messicani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

George Clooney si è scagliato sabato contro Donald Trump. La star cinematografica americana ha infatti criticato i commenti del candidato alla nomination repubblicana il quale, riferendosi ai messicani durante la campagna elettorale, li aveva definiti "stupratori e criminali". Lo hanno reso noto domenica i media americani.

"E' una descrizione idiota", ha detto Clooney durante la conferenza stampa al Toronto Film Festival dove partecipa con un film che ha prodotto lui stesso, "Our brand is crisis" e che annovera anche Sandra Bullock tra i protagonisti. L’attore ha rimarcato che "chiunque dica parole così intolleranti dovrebbe essere deriso e sarà sicuramente quello che racconterà la storia" su di lui.

Stando all'ultimo sondaggio della CNN, il miliardario è tra i favoriti alla nomination repubblicana. Durante la campagna elettorale Trump ha del resto ripetuto spesso che i messicani sono "trafficanti di droga e portatori di malattie".

ATS/EnCa

Condividi