Economia e Finanza

BNS, l’inflazione pesa sulla strategia

Rapporto annuale: dall’acquisto di valuta estera si è passati alla vendita massiccia – Riserve valutarie scese da oltre mille miliardi di franchi a 853 miliardi

  • 21 March 2023, 11:22
  • 24 June 2023, 03:50
  • INFO
La BNS cambia strategia

La BNS cambia strategia

  • Keystone
Di: ATS/dielle

La strategia della Banca Nazionale svizzera sulle valute estere ha subito una decisa inversione di rotta nel 2022: per garantire condizioni monetarie adeguate alla stabilità dei prezzi, sono decisamente aumentate le vendite di valuta estera. Negli ultimi anni la BNS aveva acquistato più valuta di quanta ne avesse venduta, un’inversione dovuta al contesto di inflazione.

Per l'insieme del 2022, il risultato delle transazioni è un deflusso netto di 22,3 miliardi di franchi di valuta, indica oggi (martedì) l'istituto di emissione nel suo rapporto annuale. A titolo di confronto, con l'intento di frenare l'apprezzamento del franco, la BNS aveva acquistato valuta estera per 21,1 miliardi di franchi nel 2021 e per 110 miliardi di franchi nel 2020. Il cambiamento di rotta è giunto nel corso dell’anno: nei primi nove mesi del 2022 la banca centrale aveva infatti acquistato valuta estera per 5 miliardi di franchi, ma ne ha venduto per 27 miliardi di franchi tra ottobre e dicembre.

Nonostante lo strumento principale per combattere l'inflazione sia stato l'aumento dei tassi d'interesse attraverso la remunerazione degli averi a vista, anche le vendite di valuta estera hanno quindi contribuito alla strategia.

BNS in profondo rosso

Telegiornale 20:00 di lunedì 09.01.2023

  • 09.01.2023
  • 19:00

Riserve valutarie in discesa

A causa delle vendite di valuta, ma anche delle perdite di cambio, le riserve valutarie della BNS sono scese a 853 miliardi di franchi al 31 dicembre 2022, rispetto ai 1’015 miliardi di dodici mesi prima. Alla fine del 2007 tali riserve ammontavano a 85 miliardi di franchi e l'aumento in questo periodo è dovuto agli acquisti di valute estere per evitare l'apprezzamento del franco, ribadisce la banca centrale.

L'aumento delle riserve valutarie negli ultimi anni aveva portato a un'espansione del bilancio, che si è ridotto nel 2022 a causa delle perdite di capitale sugli investimenti e delle vendite di valuta estera. Il bilancio si è ridotto di 175,4 miliardi di franchi, passando a 881,4 miliardi. Gli investimenti in valuta estera sono diminuiti di 166 miliardi.

Jordan ha guadagnato oltre un milione

Dal rapporto annuale si desume anche che Thomas Jordan, presidente della direzione dell'istituto, ha ricevuto una remunerazione di 1,036 milioni di franchi, contro 945'000 nel 2021.

La BNS soccorre Credit Suisse

Telegiornale 20:00 di giovedì 16.03.2023

  • 16.03.2023
  • 19:00

In Gestione le finanze senza i milioni BNS

Il Quotidiano di martedì 10.01.2023

  • 10.01.2023
  • 18:00

Ti potrebbe interessare