Economia e Finanza

Lo spettro dei tagli nella lunga notte

Proseguono i colloqui per il salvataggio di Credit Suisse - La fusione con UBS potrebbe portare a un importante sacrificio di posti di lavoro

  • 18 March 2023, 21:41
  • 24 June 2023, 03:46
  • INFO
La trattativa che lascia col fiato sospeso. Qui la statua di Alfred Escher, fondatore di Credit Suisse

La trattativa che lascia col fiato sospeso. Qui la statua di Alfred Escher, fondatore di Credit Suisse

  • Keystone
Di:ATS/Reuters/Spi

Il salvataggio di Credit Suisse da parte di UBS potrebbe essere suggellato domenica in un incontro straordinario tra il Consiglio federale e i vertici delle due maggiori banche elvetiche. È quanto scrive il Blick, che cita fonti secondo cui l'accordo dovrà essere siglato entro la giornata di domani. La testata online riferisce di pressioni esercitate sulla Svizzera dalle banche nazionali di altri paesi. Gli istituti avrebbero fatto sapere al Dipartimento federale delle finanze che se non verrà trovata una soluzione nel fine settimana, saranno le stessa banche a tagliare le linee di credito e questo potrebbe significate il collasso per CS.

Le discussioni sono ancora in corso. Secondo Reuters, UBS avrebbe chiesto garanzie governative per 6 miliardi di dollari a copertura dei costi di liquidazione di parti di Credit Suisse e dei potenziali oneri di un contenzioso legale. I colloqui starebbero incontrando ostacoli significativi e, secondo l'agenzia stampa britannica, le nozze tra i due colossi bancari elvetici potrebbero tradursi nel taglio di 10'000 posti di lavoro.

La seduta straordinaria del Consiglio federale

Nel tardo pomeriggio di sabato il Consiglio federale ha tenuto una seduta straordinaria sul Credit Suisse. Attorno alle 17 i membri del governo, secondo quanto riporta la NZZ, si sono riuniti al Bernerhof, la sede del Dipartimento delle Finanze. L'incontro è durato quasi due ore e attorno alle 18.45 la consigliera federale Viola Amherd è stata la prima a lasciare la riunione, seguita poco dopo dagli altri ministri. Nessuno ha rilasciato dichiarazioni e il più loquace è stato il portavoce del governo, André Simonazzi che si è limitato a un "no comment". Secondo il foglio zurighese, nel corso della serata si sono uniti alle discussioni diversi esperti e funzionari.

Secondo quanto scrive l'agenzia Bloomberg, UBS avrebbe chiesto un sostegno al Consiglio federale in caso di acquisizione di Credit Suisse.

Blocher definisce "terribile" una fusione

L'ex consigliere federale Christoph Blocher ha definito una possibile fusione tra Credit Suisse e UBS come qualcosa di "terribile" per la piazza economica Svizzera. A lungo termine, sarebbe un problema anche per i clienti delle banche, afferma l'82enne in un'intervista al "SonntagsBlick", pubblicata già sabato sul sito del settimanale.

Ci sono attività che le aziende svizzere attive a livello internazionale possono svolgere solo con una grande banca, ad esempio in Svizzera con UBS o Credit Suisse, rileva il miliardario ex manager di EMS-Chemie. "Se non c'è più concorrenza, le aziende sono alla mercé di un'unica banca".

Credit Suisse e UBS verso il matrimonio?

Telegiornale 20:00 di sabato 18.03.2023

  • 18.03.2023
  • 19:00

Ti potrebbe interessare