Mondo

Inondazioni in Libia, "più di 5'000 morti"

La Croce Rossa stima 10'000 dispersi - L'acqua, hanno raccontato i testimoni, "è salita fino a toccare i tre metri", distruggendo case, trascinando auto e persone

  • 12 September 2023, 19:48
  • 15 September 2023, 20:54
  • INFO
La città di Derna devastata dalle inondazioni

La città di Derna devastata dalle inondazioni

  • keystone
Di:ATS/M. Ang.

I numeri del disastro si rincorrono in una tragica corsa al rialzo mentre nessuno, in Libia, sembra in grado di mettere un punto alla fine dei troppi zeri che segnano le vite spezzate dall'uragano Daniel e dal crollo delle dighe di Derna, perché le persone che mancano all'appello sono di fatto un numero indefinito.

Almeno 5'300 persone sono ritenute morte, ha dichiarato martedì il ministero degli Interni del Governo orientale libico, secondo quanto reso noto dal media statale LANA. La CNN, che ha riportato la notizia, non è in grado di verificare in modo indipendente il numero di morti e dispersi.

"Il bilancio delle vittime è enorme", ha affermato Tamer Ramadan, inviato per la Libia della Federazione internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, "finora il numero delle persone scomparse ha raggiunto le 10'000 unità".

"La situazione a Derna è catastrofica (...). I corpi giacciono ancora in molti luoghi", ha raccontato invece Othman Abdel Jalil, ministro della sanità del Governo sostenuto dal parlamento di Tobruk, che ha visitato la città dell'est. "Ci sono famiglie ancora bloccate nelle loro case e vittime sotto le macerie", ha detto Jalil all'emittente Almasar Tv, spiegando: "Le persone scomparse sono migliaia e si prevede che il numero dei morti raggiungerà i 10'000". "La situazione a Derna sta diventando sempre più tragica - ha aggiunto - e non esistono statistiche definitive sul numero delle vittime".

Anche Hichem Chkiouat, ministro dell'aviazione civile, è andato in quel che resta della città di 50'000 abitanti per rendersi conto di persona della situazione: "I corpi giacciono ovunque: nel mare, nelle valli, sotto gli edifici". Nel cimitero ci sono più di 700 corpi accatastati in attesa di essere identificati.

L'acqua, hanno raccontato i testimoni, "è salita fino a toccare i tre metri", distruggendo case, trascinando auto e persone, rendono inagibili le strade trasformate in torrenti torbidi di fanghiglia rossastra. E proprio lo stato delle vie di comunicazioni rende difficili le operazioni di soccorso che sono state dirottate in alcuni casi via mare: da Tripoli è partita una nave carica di materiali sanitari.

Intanto si è messa in moto la macchina internazionale degli aiuti insieme alle testimonianze di vicinanza e solidarietà alla popolazione già provata da oltre un decennio di guerra civile.

Al Papa, "profondamente rattristato", si sono uniti "i sentimenti di sincera partecipazione al dolore dell'amico popolo libico" del presidente italiano Sergio Mattarella. Dall'Italia è atterrata in Libia la squadra di soccorso annunciata dal vicepremier e ministro degli esteri Antonio Tajani. "È composta - ha comunicato il ministro per la protezione civile Nello Musumeci - dal personale del nostro Dipartimento della protezione civile, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, del Comando operativo di Vertice interforze e del ministero degli affari esteri" e "opererà, d'intesa con le autorità locali, nei territori devastati dall'uragano Daniel".

Il presidente statunitense Joe Biden ha annunciato che gli USA "stanno inviando fondi di emergenza alle organizzazioni umanitarie e si stanno coordinando con le autorità libiche e le Nazioni Unite per fornire ulteriore supporto".

Pronta a "fornire la necessaria assistenza" anche la Russia del presidente Vladimir Putin.

L'Unione europea, attraverso il presidente del Consiglio europeo Charles Michel, si è detta "pronta ad aiutare le persone colpite da questa calamità" e ha parlato di "immagini strazianti". L'ONU, ha annunciato il rappresentante per gli affari umanitari Martin Griffiths, sta mobilitando le squadre di emergenza. Tre aerei carichi di aiuti e personale inviati dalla Turchia sono già nel paese africano e l'Algeria ha predisposto un ponte aereo di otto velivoli militari per consegnare beni di prima necessità. La Francia, da parte sua, ha deciso l'invio di un ospedale da campo della protezione civile.

I primi aiuti portano qualche briciolo di speranza ai sopravvissuti. Ma un'altra catastrofe è dietro l'angolo: l'epidemia di colera, corollario inevitabile di acque inquinate e corpi in decomposizione.

Libia, 2mila morti a causa delle inondazioni

Telegiornale 12:30 di martedì 12.09.2023

  • 12.09.2023
  • 10:30

Correlati

Ti potrebbe interessare