Mondo

Mestre, bus precipita da un cavalcavia: “21 morti”

Il mezzo si è incendiato: “Tra i morti anche due bimbi, 18 i feriti”. Il sindaco Brugnaro: “Scena apocalittica”. L’ipotesi di un malore dell’autista

  • 3 October 2023, 19:19
  • 3 October 2023, 22:39
  • INFO
rsich_20231003211751959_c39165f68adef36834152e348e959d4a.jpg

I

  • ANSA
Di:ANSA/AFP/Red. MM/M. Ang.

Un pullman con numerose persone a bordo è precipitato martedì sera, poco prima delle 20.00, da un cavalcavia a Mestre, finendo sul sedime ferroviario che scorre a fianco della strada. Un primo bilancio provvisorio parla di 21 morti (tra cui due bimbi) e 18 feriti (di cui 5 in gravi condizioni). A bordo c’erano anche cittadini ucraini, tedeschi, francesi e croati. L’autista era italiano e risulta tra le vittime. La Procura della Repubblica di Venezia ha aperto un fascicolo d’inchiesta 

Non è ancora possibile un bilancio definitivo dell’incidente in quanto il mezzo non è ancora stato rimosso perché c’è il rischio di un nuovo incendio: il bus ha infatti una doppia alimentazione, elettrica e a metano, e si sta cercando di raffreddare le batterie per evitare che le fiamme riprendano vigore. Il timore dei soccorritori è che sul bus ci fossero ulteriori passeggeri rispetto a quelli dichiarati e non si esclude neanche che quando il mezzo ha distrutto la barriera di protezione possa aver travolto qualcuno. Solo quando il mezzo sarà rimosso, dunque, si potrà escludere la presenza di ulteriori vittime o feriti.

Il bus era stato noleggiato per un servizio di navetta dal campeggio Hu di Marghera per i suoi ospiti.

La dinamica è ancora da accertare ma dai primi rilievi emerge che il bus è precipitato da oltre dieci metri, un volo dopo avere urtato violentemente la doppia barriera di protezione del cavalcavia della bretella che da Mestre porta verso Marghera e l’autostrada A4. Il pullman ha sfondato la prima protezione fatta da un guard rail e la seconda barriera in metallo che delimita il passaggio pedonale. Poi si è schiantato giù, capovolgendosi, e finendo tra un magazzino e i binari della stazione di Mestre incendiandosi.

Tra le prime ipotesi un malore dell’autista

Parlando con i cronisti sul luogo del disastro, il comandante della polizia municipale di Venezia, Marco Agostini, ha riferito che dai rilievi fatti non vi sono tracce di frenata sull’asfalto. Il pullman - ha spiegato - ha divelto il guard rail ed è finito nella scarpata, “incendiandosi nell’impatto al suolo”. “Che vi sia stato un malore dell’autista è una ipotesi - ha detto Agostini - altre andranno verificate”.  Intanto gli inquirenti sono già al lavoro per capire le cause. La polizia stradale sta effettuando i rilievi: c’è da verificare la traiettoria della caduta, le condizioni del manto stradale.

Nelle prossime ore verrano analizzate le immagini delle telecamere di sicurezza puntate sul cavalcavia, per capire meglio la dinamica dello schianto. Sul logo del disastro è giunto in serata anche il procuratore capo, Bruno Cherchi.

Il veicolo ha preso fuoco subito dopo l’impatto, per chi era a bordo difficile avere scampo. Il sindaco Luigi Brugnaro ha parlato di una scena apocalittica e ha disposto il lutto cittadino. “Un’immane tragedia ha colpito questa sera la nostra comunità. Ho disposto da subito il lutto cittadino, in memoria delle numerose vittime che erano nell’autobus caduto. Una scena apocalittica, non ci sono parole”. 

rsich_20231003212203107_78956a358f0e981559927534f7c952d9.jpg

I soccorritori attorno al pullman precipitato dal cavalcavia

  • ANSA

“Ci sono tanti morti, troppi”. Sono le prime parole di un vigile del fuoco. La zona è presidiata dalle forze dell’ordine che non fanno entrare nessuno. Ci sono almeno 50 ambulanze.

La linea ferroviaria tra Mestre e Venezia è stata sospesa a causa dell’incidente. L’Usl 3 di Venezia - scrive la stampa italiana - ha attivato il protocollo delle “grandi emergenze” che prevede la messa a disposizione di tutti i pronto soccorso degli ospedali e il richiamo al lavoro di personale di rinforzo.

C’è una situazione di attesa e grande incertezza al camping ‘Hu’ di Marghera, dove alloggiavano le vittime dell’incidente del pullman a Mestre, perchè la mancanza di una contabilità aggiornata sugli ospiti in uscita per le gite non permette al momento di risalire ai turisti effettivanente saliti su quella navetta. Sul posto sono giunte le forze dell’ordine, mentre alcune autorità consolari arrivate già qualche ora dopo l’incidente sono in attesa di incrociare i dati dei connazionali in loro possesso con quelli dei registri del camping.

“Dovevamo prendere l’autobus successivo, ma non arrivava, e poi abbiamo saputo”. Raccontano così ai cronisti 4 giovani turisti tedeschi che sono giunti al campeggio Hu di Marghera, lo stesso che ospitava le vittime dell’incidente del bus. “E’ una tragedia - raccontano i quattro - volevamo prendere un taxi e abbiamo cercato di chiamare il centralino del campeggio ma non erano in grado di darci indicazioni e riagganciavano”. La struttura ha messo a disposizione dei pulmini navetta per gli altri turisti in partenza o in arrivo da e per Venezia.

La tragedia scuote anche la politica. Il Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella ha telefonato al sindaco di Venezia Brugnaro per esprimergli il suo cordoglio. La presidente del Consiglio Giorgia Meloni esprime “il più profondo cordoglio per il grave incidente avvenuto a Mestre: Il pensiero va alle vittime e ai loro famigliari e amici. Sono in stretto contatto con il sindaco Luigi Brugnaro e con il ministro Matteo Piantedosi per seguire le notizie su questa tragedia”.

Il patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, è giunto sul luogo del disastro di Mestre, si è raccolto in preghiera e ha benedetto le salme.

“I nostri pensieri questa sera sono rivolti al popolo italiano, alle famiglie e ai cari delle vittime della terribile tragedia di Venezia”: lo scrive in un tweet scritto in italiano, il presidente francese, Emmanuel Macron.

La tragedia del pullman, precipitato in serata dal cavalcavia a Mestre, è in evidenzia sui siti giornalistici di tutto il mondo. Dalla Cnn a Le Monde, dal Guardian a El Pais, i media riportano la dinamica dell’incidente e l’altissimo numero di vittime, evidenziando che ci sono anche turisti stranieri tra i morti.

Notiziario delle 23:00 del 03.10.2023

  • 03.10.2023
  • 21:08

Ti potrebbe interessare