Mondo

No Tav, parola all'accusa

Aggiornato al 24 settembre il processo contro i 4 No Tav accusati di terrorismo

  • 18 September 2014, 06:50
  • 14 September 2023, 07:53
La manifestazione fuori dall'aula

La manifestazione fuori dall'aula

  • ansa

"Nell'assalto al cantiere di Chiomonte furono utilizzati degli ordigni micidiali". Questa la posizione di un consulente dell'accusa, chiamato a ricostruire l'accaduto alla ripresa del processo per terrorismo nei confronti dei quattro attivisti No Tav, Mattia Zanotti (30), Claudio Alberto (24), Niccolò Blasi (25) e Chiara Zenobi (42), in carcere dal 9 dicembre scorso. I fatti, lo ricordiamo, risalgono al maggio del 2013, quando un gruppo di militanti assalta il cantiere della linea ad alta velocità Torino-Lione di Chiomonte, in Val di Susa.

Il processo è stato poi aggiornato al 24 settembre quando verrà disposta una perizia sull'intercettazione ambientale raccolta durante l'indagine che ha portato all'arresto di altri tre attivisti, come aveva spiegato alla RSI Eugenio Losco, uno degli avvocati della difesa, poco prima della ripresa del processo (ascolta l’intervista audio qui sotto).

L'arresto degli altri tre No Tav

L’11 luglio Lucio Alberti (24), Francesco Nicola Sala (26) e Graziano Mazzarelli (23) vengono arrestati nell'ambito della stessa inchiesta, su di loro non pende però l'accusa di terrorismo. Questa ipotesi passerà infatti al vaglio del Tribunale del riesame a fine settembre come chiesto dalla Corte suprema.

Francesca Calcagno


Correlati

Ti potrebbe interessare