Mondo

Norvegia, Spagna e Irlanda riconoscono la Palestina

L’annuncio è stato dato dai rispettivi premier - Israele reagisce richiamando gli ambasciatori

  • 22 maggio, 08:59
  • 22 maggio, 15:17
  • INFO
  • HAMAS ISRAELE

RG 12.30 del 22.05.2024 Il servizio di Chiara Savi

RSI Mondo 22.05.2024, 15:17

  • keystone
Di: AFP/Reuters/pon

Norvegia, Spagna e Irlanda riconosceranno l’esistenza di uno Stato palestinese, le prime due a partire dal 28 maggio. L’annuncio è stato dato mercoledì nel giro di pochi minuti dai rispettivi premier Jonas Gahr Store, Pedro Sanchez e Simon Harris.

613273569_highres.jpg

L'annuncio del premier Jonas Gahr Store

  • keystone

Senza questo riconoscimento “non ci può essere pace in Medio Oriente”, ha affermato Gahr Store, il primo a parlare. I palestinesi hanno “diritto a un proprio Stato” e hanno compiuto importanti passi per averlo negli ultimi 30 anni, da quando proprio in Norvegia furono firmati gli accordi di Oslo. La Norvegia, per altro, in queste ore ha anche fatto sapere di essere pronta ad arrestare Benjamin Netanyahu se la Corte penale internazionale confermerà il mandato di cattura richiesto dalla procura.

613277494_highres.jpg

Il premier irlandese Simon Harris

  • keystone

Harris, definendo questo giorno “storico per l’Irlanda e la Palestina”, si è quindi  augurato che nelle prossime settimane anche altri Paesi seguano l’esempio.

Dal canto suo, Sanchez ha accusato il suo omologo Benjamin Netanyahu di “mettere in pericolo la soluzione dei due Stati con la sua politica di dolore e distruzione”.

613278000_highres.jpg

Pedro Sanchez ha dato l'annuncio in Parlamento

  • keystone

Il Governo spagnolo, con quelli di Irlanda, Malta e Slovenia, aveva già manifestato questa intenzione in un comunicato comune diramato in marzo. La Spagna appartiene da tempo alla schiera dei maggiori critici di Israele in Europa e in ottobre aveva deciso la sospensione delle esportazioni di armi verso lo Stato ebraico.

Israele - che si oppone alla cosiddetta soluzione dei due Stati - ha già risposto richiamando in patria i propri ambasciatori a Oslo e Dublino e farà a questo punto lo stesso con quello a Madrid. “Il messaggio al mondo è che il terrorismo paga”, ha criticato il ministro degli esteri Israel Katz.

Il triplice annuncio è stato invece accolto con logica soddisfazione dall’Autorità nazionale palestinese e da Hamas. Secondo il gruppo islamico, è il frutto della “coraggiosa resistenza” della popolazione palestinese e si tratta di una svolta nella posizione internazionale sulla questione. Due terzi circa dei Paesi membri delle Nazioni Unite hanno già riconosciuto uno Stato palestinese. Fanno eccezione fra gli altri Stati Uniti, il Canada e la maggioranza dell’Europa occidentale, compresa la Confederazione elvetica.

Il 18 aprile l’ammissione dello Stato palestinese nelle Nazioni Unite era già stata oggetto di un voto del Consiglio di sicurezza. Dodici dei 15 membri avevano votato a favore, Svizzera e Regno Unito si erano astenuti e decisivo per il “no” era stato il veto statunitense. Negli scorsi giorni, invece, l’Assemblea generale dell’ONU si era detta favorevole, con 143 voti contro 9 e 25 astensioni.

CPI, chiesti mandati di arresto per Netanyahu e Gallant

Telegiornale 20.05.2024, 20:00

  • Dublino
  • Oslo
  • Espen Barth Ejde
  • Benjamin Netanyahu
  • Jonas Gahr Store
  • Corte penale internazionale
  • Israele
  • Norvegia
  • palestinese

Correlati

Ti potrebbe interessare