Mondo

Parigi capitale del mondo

Due milioni di persone e 45 capi di Stato. La più grande mobilitazione nella storia francese

  • 11 January 2015, 15:07
  • 7 June 2023, 01:23
Place de la République gremitissima

Place de la République gremitissima

  • keystone

"Oggi Parigi è la capitale del mondo. Il Paese saprà andare avanti tutto insieme verso quello che c'è di meglio". Così il presidente francese François Hollande domenica, nel giorno della grande marcia contro il terrorismo islamico, organizzata nella capitale francese con la presenza di un milione e mezzo/due milioni di persone. Non sono mancati capi di Stato e di governo da tutto il mondo, scesi in piazza alla testa del corteo e sulla stessa fila a boulevard Voltaire, subito dopo i parenti e gli amici delle vittime. A scandire il loro transito gli applausi della folla e l'acclamazione "Paris Charlie". Un corteo lunghissimo ma scaglionato, con bandiere di Paesi arabi e musulmani. Le immagini delle tv hanno mostrato fra l'altro vessilli algerini, palestinesi e turchi.

Applausi e acclamazioni dei presenti al passaggio di parenti e amici delle vittime

  • 11.01.2015
  • 16:32

Il presidente francese François Hollande si è fermato a lungo a parlare con i superstiti di Chlarlie Hebdo, sfuggiti al massacro del 7 gennaio scorso, in prima fila al corteo insieme con i parenti delle vittime cadute nella redazione del giornale satirico e poi nel supermercato kosher di Porte de Vincennes.

Accanto al presidente francese Francois Hollande, tra gli altri, la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il premier italiano Matteo Renzi, quello israeliano Benyamin Netanyau, il presidente dell'Autoritá nazionale palestinese Mahmud Abbas, il primo ministro britannico David Cameron.

I leader presenti

Le immagini mostrano una Place de la République gremita di persone impegnate a manifestare per la libertà di espressione dopo gli attentati che hanno sconvolto Parigi e dato il via alla solidarietà internazionale al motto "Je suis Charlie", per stringersi idealmente alla redazione del settimanale satirico e alle vittime colpite dalle pallottole dei kalashnikov sparate dai tre integralisti.

In Place de la République

La tensione rimane alta. Sui tetti spuntano i fucili dei cecchini delle forze speciali mentre duemila agenti e 1'350 militari sono stati schierati nelle strade. Elicotteri continuano a sorvolare la capitale.

AlesS./M.Ang./ATS/AFP

Il TG sulla manifestazione:

Dal TG20:

11.01.2015: "Non abbiamo paura"

  • 11.01.2015
  • 20:26

Ti potrebbe interessare