Mondo

Tre tedeschi arrestati per spionaggio

La Procura federale: “Sono fortemente sospettati di aver lavorato per un servizio segreto cinese da prima di giugno 2022” - Incriminati anche due uomini nel Regno Unito

  • 22 aprile, 12:39
  • 22 aprile, 19:36
  • INFO
609513520_highres.jpg

Raccoglievano informazioni in Germania su tecnologie innovative che potevano essere utilizzate per scopi militari

  • keystone
Di: ATS/AFP/dielle

Tre tedeschi sospettati di spionaggio per i servizi segreti cinesi sono stati arrestati lunedì nella Germania occidentale. Lo ha annunciato la Procura federale in un comunicato stampa.

Le tre persone, identificate come Herwig F., Ina F. e Thomas R., “sono fortemente sospettate di aver lavorato per un servizio segreto cinese da una data non esattamente definita prima del giugno 2022”, ha scritto la Procura, che è responsabile dei casi di spionaggio in Germania.

I tre tedeschi, sospettati di lavorare per il Ministero della Sicurezza di Stato cinese (MSS), sono stati arrestati a Düsseldorf e Bad Homburg. Secondo il comunicato stampa, le loro case e i loro luoghi di lavoro sono stati perquisiti.

“Thomas R. lavorava come agente per un membro del MSS in Cina. Per conto di quest’ultimo, raccoglieva informazioni in Germania su tecnologie innovative che potevano essere utilizzate per scopi militari”, ha scritto il pubblico ministero.

A tale scopo la coppia Herwig F. e Ina F., proprietaria di un’azienda a Düsseldorf, fungeva da intermediaria per la cooperazione tra persone del mondo della scienza e della ricerca. Gli accusati erano inoltre in trattative per ottenere progetti di ricerca che potrebbero essere utili alla marina militare della Cina.

Formalmente incriminati anche due uomini nel Regno Unito

Da Oltremanica sempre oggi è pure emerso che sono state formalmente incriminate dalla polizia britannica le due persone, due uomini di 29 e 32 anni, arrestate lo scorso anno nel Regno Unito poiché pure loro sospettate di spionaggio a favore della Cina. Lo ha reso noto Scotland Yard.

Uno dei due lavorava come ricercatore al Parlamento di Westminster. I capi d’imputazione riguardano presunte violazioni dell’Official Secrets Act, legge sulla tutela dei documenti riservati. Entrambi gli imputati si sono dichiarati a suo tempo innocenti e anche Pechino ha contestato le accuse.

“Christopher Berry, 32 anni, e Christopher Cash, 29 anni, saranno accusati di aver fornito informazioni giudiziarie a uno Stato straniero, la Cina, e compariranno davanti alla Corte dei magistrati di Westminster venerdì 26 aprile”, ha dichiarato il CPS in un comunicato.

RG 12.30 del 22.04.2024 - Il servizio di Walter Rahue

RSI Mondo 22.04.2024, 12:33

Cresce lo spionaggio straniero in Europa

SEIDISERA 22.04.2024, 18:29

  • Keystone

Correlati

Ti potrebbe interessare