Scienza e Tecnologia

Scoperto un antico oceano scomparso

Il mare occupava parte dell’attuale Mongolia e scomparve 300 milioni di anni fa

  • 6 luglio, 08:47
  • 6 luglio, 08:47
La zona in cui si trovava l'antico Ocean.PNG

In rosso l'area in cui si trovava l'Oceano Mongolo-Okhotsk

  • dinosaurpictures.org/Paleogeographic maps by C.R. Scotese, visualization developed by Ian Webster
Di: RSI Info/ANSA

Un nuovo oceano che occupava parte dell’attuale Mongolia e scomparve circa 300 milioni di anni fa è stato scoperto dai ricercatori. A ricostruire la storia dell’Oceano Mongolo-Okhotsk, durata circa 115 milioni di anni, è lo studio guidato da Mingshuai Zhu, dell’Accademia delle Scienze pubblicato su Geophysical Research Letters. La ricerca aiuta a comprendere i cicli in cui i continenti del pianeta si allontanano per poi tornare a unificarsi in grandi super continenti.

A creare quel mare fu un cosiddetto pennacchio, ossia un flusso di roccia del mantello particolarmente caldo e leggero, che 410 milioni di anni fa creò una profonda spaccatura spingendo “ai lati” la crosta terrestre. Un fenomeno simile si osserva oggi ad esempio nella Rift Valley in Africa e nel mar Rosso e la cui scoperta potrebbe aiutare a capire meglio gli eventi avvenuti anche in un più lontano passato e migliorare la conoscenza delle dinamiche profonde che avvengono sulla Terra.

La deriva dei continenti

Setteventi 19.09.2023, 07:23

  • iStock

Correlati

Ti potrebbe interessare