Svizzera

Banche rilevanza sistemica, "No a bonus ai manager"

Lo chiede il Consiglio nazionale, che ha adottato una mozione. Criteri più stringenti anche in materia di fondi propri

  • 2 maggio, 18:32
  • 24 giugno, 05:13
  • Info
Foto d'archivio

Foto d'archivio

  • keystone
Di: ATS/M. ANG.

Le banche di rilevanza sistemica non dovrebbero più essere autorizzate a versare bonus ai loro dirigenti. Lo chiede il Consiglio nazionale che ha adottato una mozione sul tema. Il nazionale ha inoltre approvato un secondo atto parlamentare che auspica criteri più stringenti in materia di fondi propri. Gli Stati devono ancora esprimersi.

Le due mozioni sono state presentate dalla consigliera nazionale socialista di Lucerna Prisca Birrer-Heimo. La prima è stata adottata con 101 voti contro 70 e 22 astenuti, la seconda con 92 voti contro 82 e 18 astenuti. Da notare che gli atti parlamentari erano stati depositati nel giugno 2021, oltre un anno e mezzo prima della fusione forzata del Credit Suisse (CS) con UBS.

Per la socialista, "la caccia al rendimento e ai bonus può causare danni ingenti a clienti e azionisti; nel caso delle banche di rilevanza sistemica, anche allo Stato e quindi al contribuente". È quindi necessario imporre "limiti drastici" alla politica delle retribuzioni delle banche che godono della garanzia diretta o indiretta dello Stato, afferma la lucernese nel testo del suo atto parlamentare.

Secondo Birrer-Heimo, "la diffusione di una cultura del rischio aggressiva e la noncuranza dei sistemi di gestione del rischio e della compliance mettono in pericolo il sistema nel suo insieme". A suo avviso occorre migliorare la resilienza delle grandi banche svizzere aumentando le esigenze in materia di fondi propri. "Gli standard in vigore non sono sufficienti", scriveva in modo premonitore la lucernese nell'estate 2021.

Martedì in aula la socialista ha sostenuto come gli ultimi avvenimenti abbiano dimostrato l'urgenza di agire. Birrer-Heimo ha ricordato, con successo, le promesse fatte durante la sessione speciale: "non si possono più aspettare i rapporti promessi dal Governo".

La consigliera federale Karin Keller-Sutter ha replicato invano ricordando che tutte queste questioni sono state ampiamente dibattute in aprile durante la sessione straordinaria delle Camere federali e che il Governo è stato incaricato di riferire entro un anno su tutti questi aspetti.

La mozione che chiede un aumento dei coefficienti patrimoniali per le grandi banche attive a livello globale è stata sostenuta con 92 voti favorevoli, 82 contrari e 18 astensioni. La "ministra" delle finanze, Karin Keller-Sutter, si è espressa contro le mozioni e ha chiesto di attendere i rapporti chiesti dal Parlamento.

Il Consiglio nazionale ha poi anche approvato un terzo atto parlamentare di Birrer-Heimo. Si tratta di un postulato, adottato tacitamente e col sostegno del Governo, che chiede a quest'ultimo di esaminare quali possibilità supplementari occorra concedere all'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) affinché possa comminare multe e/o altre sanzioni contro gli istituti finanziari e le persone responsabili che commettono reati.

02:16
Telegiornale

Consiglio nazionale, al via la sessione speciale

Telegiornale 20:00 di martedì 02.05.2023

  • INFO

Ti potrebbe interessare