Svizzera

Proseguono i guai indonesiani per Holcim

Denuncia a Zugo di quattro abitanti dell’isola di Pari, che accusano il colosso elvetico di essere responsabile del riscaldamento climatico – Una prima conciliazione era già fallita

  • 1 febbraio 2023, 12:19
  • 24 giugno 2023, 04:11

Notiziario 11.00 del 01.02.2023 - Proseguono i guai indonesiani per Holcim

RSI New Articles 01.02.2023, 12:14

  • keystone
Di: ATS/dielle

Non c’è pace per Holcim in Indonesia. Quattro abitanti dell'isola di Pari hanno infatti sporto denuncia a Zugo contro il colosso elvetico dei materiali da costruzione Holcim, accusato di essere responsabile del riscaldamento climatico e dei conseguenti danni. A livello giudiziario si tratta del secondo capitolo, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre.

Gli abitanti della piccola isola a nord-ovest della capitale Giacarta avevano depositato una richiesta di conciliazione, una prima di questo genere in Svizzera, nel luglio 2022. A questo proposito non si è però trovato un accordo, indicano in una nota odierna tre ONG che li sostengono. Lunedì è quindi stata presentata una denuncia al Tribunale cantonale.

Risarcimento proporzionato ai danni

I diretti interessati vogliono ricevere da Holcim “un indennizzo proporzionato ai danni provocati dai cambiamenti climatici e una partecipazione al finanziamento delle misure di protezione contro le inondazioni”, si legge nel comunicato. L'innalzamento dei mari – conseguenza del riscaldamento climatico – è infatti un grosso problema per l'isola, con l'acqua che compromette case, strade, commerci e di conseguenza la vita dei locali, i quali vivono principalmente di pesca e turismo. Nello specifico, la denuncia parla di una "lesione della personalità, causata dalle emissioni di CO2 sproporzionate di Holcim, sia passate che future". Una situazione che minaccia l'esistenza dell'isola (un'area totalmente piatta) e delle 1’500 persone che ci vivono.

Holcim, leader mondiale del settore del cemento, è fra le 50 aziende mondiali che producono più CO2 e le tre ONG - Aiuto delle chiese evangeliche svizzere (HEKS/EPER/ACES), European Center for Constitutional and Human Rights (ECCHR) e Organizzazione indonesiana per l'ambiente WALHI - se la prendono anche con gli impegni ambientali del gruppo con quartier generale a Zugo, giudicati insufficienti e tardivi per raggiungere l'obiettivo fissato dall'Accordo di Parigi, ovvero limitare a 1,5 gradi l'innalzamento della temperatura sul pianeta.

Le organizzazioni spiegano che, nell'ambito dell'udienza di conciliazione, la società non ha accolto le richieste di ritoccare verso l'alto gli obiettivi a tutela dell'ambiente. Da qui la decisione di portare avanti l'azione legale. Oltre agli aspetti finanziari, la pretesa è che le emissioni vengano tagliate del 43% entro il 2030 e del 69% entro il 2040 rispetto ai valori del 2019.

Holcim: “Clima nostra priorità”

Da parte sua il gigante elvetico del cemento ha dichiarato che “i procedimenti che si concentrano sulle singole aziende non sono un meccanismo efficace per affrontare la complessità globale della protezione del clima”, ricordando che il tema è una sua "priorità assoluta".

La multinazionale, vero e proprio gigante del settore con i suoi 70'000 dipendenti e un fatturato da quasi 27 miliardi di franchi, nel 2019 ha venduto le sue attività nello Stato-arcipelago del sud-est asiatico all'azienda locale Semen Indonesia.

Ti potrebbe interessare