Svizzera

Tentata maxitruffa Covid: fermato all’aeroporto

Un 31enne svizzero è finito in manette a Zurigo: è accusato di aver ottenuto illegalmente un credito di quasi 300'000 franchi

  • 27 marzo 2023, 15:48
  • 24 giugno 2023, 06:04
  • INFO
547333671_highres.jpg

Immagine d'archivio

  • keystone
Di: ATS/Red.MM

Un uomo è finito in manette all’aeroporto di Zurigo mentre tentava di lasciare la Confederazione: le autorità cantonali lo ritengono colpevole di aver tentato di truffare lo Stato attraverso la richiesta dei cosiddetti crediti covid, garantiti dalle autorità nel pieno della pandemia. Il fermo, si legge lunedì in un comunicato della Procura di Zugo, è avvenuto alla fine di febbraio e da allora il 31enne, svizzero, si trova in detenzione preventiva.

L’uomo aveva richiesto e ottenuto illecitamente nel 2020 un credito di 287'520 franchi, dichiarando cifre d’affari false per un valore di quasi 3 milioni: ben al di sopra del fatturato reale della sua azienda. Per ottenere i soldi, aveva rilevato una società inattiva pochi giorni prima di chiedere il prestito.

Avrebbe poi usato i soldi percepiti in maniera abusiva e per scopi personali.

Covid, crescono ancora le truffe per lavoro ridotto

Il Quotidiano 19.08.2022, 19:00

Ti potrebbe interessare