Svizzera

Un settembre caldo come non mai

I dati di MeteoSvizzera confermano: la temperatura media nazionale è stata la più alta registrata dall’inizio delle misurazioni

  • 30 September 2023, 15:39
  • 30 September 2023, 15:43
  • INFO
Ti_Press_SA_427705.jpg

Locarno Monti: uno strumento meteorologico di Meteo Svizzera Locarno Monti.

  • tipress
Di:RSI Info

Il mese di settembre che volge al termine è stato il più caldo e localmente il più soleggiato dal 1864, ovvero dall’inizio delle misurazioni. Lo conferma MeteoSvizzera che sul suo blog ha pubblicato un lungo articolo in cui spiega che il primato è stato raggiunto soprattutto a causa di un lungo periodo di tempo mite e soleggiato all’inizio del mese.

“Alcune stazioni hanno registrato le due settimane più calde mai verificatesi in settembre. – inoltre, spiega l’Ufficio federale di meteorologia e climatologia – La quota dell’isoterma di zero gradi ha raggiunto il secondo valore più alto mai misurato. Fra il 21 e il 22 settembre in alcune regioni del versante sudalpino sono cadute forti precipitazioni”.

La temperatura media nazionale risulta di 14,2 °C, ovvero 3,8°C in più della norma per il periodo 1991-2020 e di 0,9°C in più rispetto al settembre 1961, precedente record per questo mese, sottolinea MeteoSvizzera. “A partire dall’epoca preindustriale 1871-1900 il mese di settembre in Svizzera è diventato più caldo di circa 1,4 °C”.

20230929-abb-01-tt-ch.jpg

Temperatura media del mese di settembre in Svizzera dall’inizio delle misure nel 1864. Settembre 2023 (punto rosso) chiuderà con un valore di 14,2 °C, cioè 3,8 °C in più rispetto alla norma 1991-2020 (linea verde tratteggiata). La linea rossa rappresenta la media mobile su una finestra temporale di 20 anni (stato al 29.9.23)

  • MeteoSvizzera

Periodo caldo eccezionale e vari record di temperatura (ma non in Ticino)

Fra l’1 e l’11 settembre un’alta pressione persistente ha determinato tempo soleggiato con temperature estremamente miti, si legge sul blog di MeteoSvizzera. “Anche verso la fine di questo periodo, quando le correnti sono ruotate a ovest-sudovest determinando un tempo più variabile, le temperature sono rimaste elevate. Molte stazioni di misura hanno registrato il periodo di 14 giorni di gran lunga più caldo per il mese di settembre. Localmente questo primato ha superato di circa 2 °C quello precedente, come ad esempio a Lucerna, a Château d’Oex e sullo Jungfraujoch”.

Fra il 4 e il 12 settembre, all’interno della rete di MeteoSvizzera 15 stazioni hanno registrato un nuovo primato di temperatura massima per questo mese e 27 stazioni con serie storiche lunghe un nuovo record di temperatura media giornaliera. Questo è accaduto per diverse regioni svizzera dal Giura al Vallese, dall’Altopiano all’Engadina, alle cime alpine più elevate. Per contro, in Ticino non sono stati registrati primati.

Isoterma da (quasi) record

Lo scorso 21 agosto è stato registrato il primato dell’isoterma di zero gradi, raggiunto a ben 5’298 metri di altezza. A settembre, nella notte tra il 3 e il 4, si è registrato il secondo valore più elevato mai registrato: 5’253 metri. Le misure della quota dell’isoterma di zero gradi vengono fatte giornalmente a Payerne dal 1954 mediante l’utilizzo dei radiosondaggi.

Precipitazioni intense a sud delle Alpi

Tanto sole e tanto caldo, certo. Ma a sud delle Alpi vi sono pure state forti piogge: “I valori di precipitazione giornaliera più elevati sono stati misurati nel Ticino nordoccidentale e sono stati compresi fra 145 e 169 mm. Fra il 21 e il 22 settembre una linea quasi stazionaria di forti precipitazioni si è sviluppata fra le Centovalli, la Val Onsernone, la media Valle Maggia, l’alta Val Verzasca e la media Leventina. In queste regioni sono caduti fra 150 e 250 mm di precipitazione, con punte fino a 300-350 mm misurati in poco più di 12 ore. Le precipitazioni intense hanno interessato anche il vicino Canton Grigioni, con valori compresi fra 120 e 130 mm. Verso la fine dell’evento la neve è caduta fin verso i 1200 metri di quota.”

20230929-abb-03-rr-ch (1).jpg

Distribuzione spaziale della somma delle precipitazioni di settembre 2023, rappresentata come anomalia percentuale rispetto alla norma 1991-2020.

  • MeteoSvizera

Vendemmia anticipata

Temperature e soleggiamento fuori norma hanno portato anche a una vendemmia anticipata in media di tre settimane rispetto alla media del trentennio 1991-2020.

Meteo regionale

I colori del tempo

  • 30.09.2023
  • 10:45

Correlati

Ti potrebbe interessare