Svizzera

Vaccini anti-Covid, avviata inchiesta amministrativa

Dovrà chiarire se tutti gli acquisti erano coperti dai crediti approvati in Parlamento

  • 2 June 2022, 19:05
  • 23 June 2023, 17:58
  • INFO
moderna .jpg
  • Keystone
Di:ATS/Red.MM

Il consigliere federale Alain Berset ha avviato un'inchiesta amministrativa sull'acquisto di vaccini anti-COVID-19. Lo si legge in un comunicato pubblicato oggi, giovedì, dal Dipartimento federale dell’interno (DFI).

Il ministro della sanità ha informato la Commissione delle finanze del Consiglio nazionale di possibili manchevolezze ed ha espresso l'intenzione di fare rapidamente chiarezza, continua la nota.

L'inchiesta dovrà chiarire se tutti gli acquisti erano coperti da crediti votati dal Parlamento e se i contratti prevedevano un diritto di riserva parlamentare. Le possibili carenze sono emerse nel corso nel dibattito parlamentare sugli stanziamenti per l'acquisto di vaccini.

Preventivo 2022, due crediti supplementari per i vaccini

Telegiornale 22:00 di lunedì 30.05.2022

  • 30.05.2022
  • 20:00

L'indagine amministrativa è stata affidata a Kurt Grüter, ex direttore del Controllo federale delle finanze. Si concentrerà sulle possibili carenze e sulle procedure che le hanno determinate. Il DFI intende inoltre fornire al più presto piena trasparenza sugli impegni assunti dalla Confederazione, aggiunge la nota.

"Nell'acquisto dei vaccini, il Consiglio federale ha sempre perseguito una strategia improntata alla sicurezza ordinando vaccini da due fabbricanti diversi. Oltre a ridurre al minimo i rischi, l'obiettivo era e rimane quello di garantire che la Svizzera disponga di vaccini di alta qualità in quantità sufficiente, anche in caso di difficoltà di produzione o lacune qualitative, e che la popolazione abbia sempre accesso ai vaccini più recenti", si legge nel comunicato.

Ti potrebbe interessare