Ticino e Grigioni

Cambia il clima, attenti alle punture di zecca

Questo acaro può trasmettere due malattie, la borreliosi di Lyme e la meningoencefalite - Dall’ufficio del medico cantonale arrivano consigli per difendersi

  • 18 giugno, 05:51
  • 18 giugno, 08:10

Prevenzione dalle zecche

Il Quotidiano 17.06.2024, 19:00

  • keystone
Di: SEIDISERA/sdr

Il 2024 potrebbe veder aumentare i problemi legati alle punture delle zecche, questo è un anno che si va a inserire in un periodo più lungo che è favorevole a questi acari anche a causa dei cambiamenti climatici. Tale specie di acaro può trasmettere due malattie, la borreliosi di Lyme e la meningoencefalite delle zecche.

La biologa e collaboratrice scientifica presso l’Ufficio del medico cantonale, Simona Casati, ai microfoni di SEIDISERA ha spiegato che proprio questi cambiamenti climatici agevolano la comparsa di questi animali. “Questi inverni più miti, spiega Casati, favoriscono la sopravvivenza delle zecche e poi la stagione dura di più, quindi la zecca ha tempo di portare in avanti il proprio ciclo di vita più in fretta. Possono vivere da tre fino a sei anni”.

La biologa riferisce che al mondo sono conosciute più di 900 specie di zecche. In Svizzera vi sono una ventina di specie e la più diffusa è la Ixodes ricinus che troviamo in Ticino, in Svizzera, in tutta l’Europa. “Questa zecca - chiosa - può trasmettere delle malattie, può portare dei virus, dei batteri, dei parassiti e in particolare in Svizzera porta la borreliosi di Lyme e la meningoencefalite da zecca che è una malattia virale. Questa però non è presente in Ticino”.

I dati sanitari in Ticino

Riguardo alle due malattie, in Ticino circa un quarto delle zecche sono portatrici della borreliosi di Lyme. Per quanto riguarda invece la meningoencefalite, che al momento è presente solo negli altri cantoni, la percentuale di zecche portatrici del virus è al massimo del 3%.

Puntura di zecca: come intervenire?

La zecca va rimossa subito senza aspettare di andare in farmacia o dal dottore. Anche nel caso in cui, togliendola, rimanga una piccola parte incastrata nella pelle, non è un problema perché basta disinfettare e si staccherà da sola.

È importante agire in fretta perché si potrebbero evitare spiacevoli conseguenze. “Per quanto riguarda la borreliosi di Lyme - spiega ancora la biologa - abbiamo 12-14 ore di tempo per togliere la zecca, mentre per il virus non abbiamo tempo: dobbiamo toglierlo subito perché il virus si trova già a livello delle ghiandole salivari della zecca”. Non bisogna andare dal medico ma si deve controllare il punto del morso per un mese e andare dal dottore se si forma una macchia rossa che è sintomo della borreliosi, che è poi facilmente curabile con un antibiotico. Purtroppo però non è sempre facile fare la diagnosi perché non sempre si presenta la macchia rossa.

Non ci sono invece antibiotici specifici per la meningoencefalite. In Ticino si contano circa cinque casi all’anno, mentre nel resto del Paese è sempre più diffusa. Il medico cantonale Giorgio Merlani, comunque, spiega che le soluzioni ci sono. “Come malattia può essere potenzialmente grave. È vero - dice Merlani - che da noi in Canton Ticino la probabilità di prenderla è veramente ridotta al minimo, però non c’è da aver paura. Essendo conosciuta una vaccinazione che è efficace, che si cura, se uno vuole continuare ad andare nei boschi tranquillamente, ecco che la vaccinazione è sicuramente una buona opzione”.

Allarme zecche in Svizzera

SEIDISERA 17.06.2024, 18:36

  • Simona Casati
  • Giorgio Merlani
  • Svizzera
  • Ticino
  • Ufficio del medico cantonale
  • zecche
  • zecca
  • borreliosi di Lyme
  • Ixodes ricinus
  • meningoencefalite

Correlati

Ti potrebbe interessare