Ticino e Grigioni

Imposta di circolazione, i partiti sparsi

Le reazioni dei capigruppo sul correttivo proposto dal Governo, tra pro e contro - Gli iniziativisti delusi: "Non è rispettoso battere cassa".

  • 17 November 2022, 19:42
  • 23 June 2023, 23:42
  • INFO
L'imposta che continua a far discutere

L'imposta che continua a far discutere

  • Tipress
Di:SEIDISERA/Robbiani/Spi

Le nuove basi di calcolo per l’imposta di circolazione in Ticino e il coefficiente correttivo proposto dal Consiglio di Stato raccolgono reazioni di segno opposto tra i partiti.

Si dice deluso e arrabbiato il capogruppo del Centro, Maurizio Agustoni, che annuncia battaglia come rappresentante della principale forza che ha sostenuto l’iniziativa: "La proposta conta di raccogliere 7 milioni su un bilancio di quattromila milioni di franchi all’anno che è stato annunciato chiuderà in pareggio. Battere la cassa degli automobilisti ticinesi non mi sembra molto rispettoso".

Il messaggio governativo è quello atteso, replica il capogruppo del PS Ivo Durisch: "Finalmente si è capito che si poteva correggere la questione con due modelli di finanziamento”. Ci va bene, continua, “che il montante prelevato rimanda a quello annunciato sugli opuscoli di votazione. Non ci va bene invece se gli iniziativisti, dopo il 2023, dovessero chiedere di prolungare la moratoria".

La moratoria, ribatte Augustoni, è prevista dalla legge votata: "Vedremo se sarà necessario estenderla. In ogni caso sarà una decisione del Parlamento".

La capogruppo dei Verdi Samantha Bourgoin: "Più che il Governo, non seguiamo il voto popolare. La popolazione ha accettato l’iniziativa che chiedeva un anno di moratoria e dal secondo anno via un gettito di 91,5 milioni. Lo dicevamo che la proposta degli iniziativisti sarebbe stata una legge vecchia".

La Lega con il capogruppo Daniele Caverzasio si dice invece tiepida: "Per noi è importante il rispetto della volontà popolare. Siamo anche pragmatici, vogliamo che lo sgravio sia in essere dal 1. Gennaio 2023. Questo significa portare a casa una soluzione e poi correggerla eventualmente in corso d’opera".

Si dice schierato a fianco degli iniziativisti, il capogruppo dell’UDC Paolo Pamini: "Per un motivo molto semplice, lasciare dove possibile risorse nelle tasche di chi le genera e dei contribuenti".

Infine, la voce del PLR con la capogruppo Alessandra Gianella: “La proposta del Consiglio di Stato cerca di sistemare quanto già annunciato prima del voto, si diceva che in tempi non erano maturi. Solo il 35% dei cittadini è andato a votare, quindi così chiaro non era. È importante avere una formula chiara e condivisa”.

Imposta di circolazione: il risultato del voto e le considerazioni di Norman Gobbi

  • 22.06.2022
  • 20:59

SEIDISERA DEL 17.11.2022: Imposta di circolazioni, parlano i capigruppo

  • TiPress
  • 17.11.2022
  • 18:38

Ti potrebbe interessare