Ticino e Grigioni

La carenza di psicofarmaci spinge oltre confine

Le benzodiazepine continuano a scarseggiare nelle farmacie svizzere e molti cercano in Italia: una penuria che preoccupa gli operatori del settore

  • 30 November 2023, 04:42
  • 30 November 2023, 10:05
  • INFO

Penuria psicofarmaci, c'è chi va in Italia

Il Quotidiano di mercoledì 29.11.2023

Di: Quotidiano/LP

La penuria di farmaci continua a farsi sentire in Svizzera: una carenza che tocca in particolare la classe delle benzodiazepine, farmaci ampiamente impiegati per combattere l’ansia.

Temesta, Lexotanil e Xanax. Questi alcuni dei grandi assenti sugli scaffali delle farmacie svizzere. Una situazione che negli ultimi mesi ha costretto molti pazienti a rivolgersi oltre confine per reperire il farmaco desiderato, come testimonia Federica Zocchi, farmacista nella limitrofa Ponte Tresa. I clienti svizzeri segnalano l’introvabilità dei farmaci e si constata “un decisivo aumento” della domanda.

La carenza preoccupa in particolare gli operatori del settore psichiatrico, che impiegano ampiamente le benzodiazepine per trattare tutti gli stati d’ansia. Malesseri, spiega lo psichiatra Michele Mattia, che colpiscono “dal 30 al 40% della popolazione”. L’assenza di ansiolitici “sta quindi creando problemi in alcuni pazienti, perché la sostituzione non è così ovvia”.

E a fronte della scarsità di medicamenti, rimane pendente anche la questione assicurativa. Non è infatti scontato che le casse malati siano disposte a rimborsare l’acquisto effettuato in Italia. “Alcuni conservano ricetta e scontrino per rifarsi sulla cassa malati mentre altri non lo fanno” afferma la farmacista Zocchi, “noi non sappiamo se poi riescono veramente a farsi rimborsare o meno”. Proprio sull’argomento si è espresso nei giorni scorsi il Consiglio di Stato, manifestando l’intenzione di consentire in futuro il rimborso dei medicinali acquistati all’estero in caso di irreperibilità in Svizzera.

Correlati

Ti potrebbe interessare