Ticino e Grigioni

Più che raddoppiati gli incidenti con monopattini elettrici

In Ticino, nel 2023, sono stati 27: 16 in più rispetto all’anno precedente - Numerosi anche i casi che hanno coinvolto le bici elettriche - Il Cantone pura su una campagna di prevenzione

  • 16 aprile, 19:57
  • 16 aprile, 23:22
  • INFO
Monopattini elettrici

Tre concetti chiave: prudenza, rispetto e visibilità.

  • iStock
Di: Quotidiano/Seidisera/RSI Info

In un anno gli incidenti con monopattini elettrici in Ticino sono più che raddoppiati: nel 2023 sono stati 27, rispetto agli 11 dell’anno precedente. Di questi 27, se ne contano 8 con esiti gravi e uno è stato letale. Anche le e-bike possono essere pericolose: lo scorso anno ci sono stati 43 incidenti, di cui 11 gravi. Per questo motivo è stata avviata la campagna di prevenzione “Meno fatica, più attenzione”, nell’ambito del progetto Strade sicure, che pone l’accento su tre concetti: prudenza, rispetto e visibilità.

Troppo veloci per i marciapiedi, troppo lenti per la strada

L’aumento del numero degli incidenti è anche da ricondurre al maggior utilizzo di questi mezzi di trasporto, ma in ogni caso l’attenzione non è mai troppa. Per i monopattini elettrici c’è infatti un aspetto critico in più: la velocità. Questa, infatti, è troppo elevata per poter circolare sui marciapiedi e si è dunque costretti a usare la strada, dove comunque si è molto meno veloci degli altri mezzi, spiega Massimo Dalessi, ingegnere e perito giudiziario.

La velocità massima è di circa 20 km/h e per utilizzarli bisogna avere almeno 14 anni, se in possesso della licenza di condurre di categoria M, o 16. Regole che valgono anche per le e-bike che circolano fino ai 25 km/h. Il casco, invece è obbligatorio solo per le biciclette elettriche che circolano a più di 45 km/h, ma fortemente raccomandato per tutti i tipi di mezzo. Anche l’abbigliamento può aiutare a limitare le conseguenze di un incidente: “I jeans proteggono fino a una caduta avvenuta a 20km/h di velocità”, indica Dalessi. Un altro aspetto importante è quello di rendersi visibili con vestiti dotati di catarinfrangenti.

Spesso viene sottovalutata la velocità delle bici elettriche

Ma quali sono le principali cause degli incidenti ? Manovre azzardate? Non proprio, spiega Dalessi, sono principalmente “manovre normali che però non si addicono a quella specifica situazione”. Per quanto riguarda le biciclette elettriche a trarre in inganno è ancora lei, la velocità: “L’automobilista vede una bicicletta a una certa distanza, ritiene di avere il tempo di fare la propria manovra, ma poi la velocità maggiore della bicicletta elettrica fa in modo che questa raggiunga il punto d’urto più velocemente”. Per contrastare ciò è fondamentale cercare di anticipare la situazione, indica il perito.

Oltre a evitare un incidente, il corretto comportamento scongiura anche la multa. Lo scorso anno ne sono state inflitte 142 a Lugano a utenti di monopattini ed e-bike, 17 a Locarno e 4 a Mendrisio. Tra le ragioni: circolare a luci spente, non rispettare lo stop, bruciare il semaforo, ma c’è anche chi è stato pizzicato a telefonare o con un’alcolemia oltre il limite consentito. Anche usare il marciapiede è generalmente vietato: consentito solo ai bambini fino ai 12 anni, a patto che non ci siano né piste né corsie ciclabili.

Monopattini: incidenti in aumento

SEIDISERA 16.04.2024, 18:33

  • Keystone

Correlati

Ti potrebbe interessare