Una voragine finanziaria per la seconda banca svizzera
Una voragine finanziaria per la seconda banca svizzera (keystone)

Greensill, Credit Suisse paga ancora

Versati altri 750 milioni di dollari agli investitori nel fondo speculativo fallito

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Credit Suisse ha annunciato un ulteriore rimborso di circa 750 milioni di dollari ai suoi investitori - sono un migliaio quelli coinvolti - nell'ambito del fallimento del fondo speculativo Greensill. I rimborsi totali ora ammontano, secondo quanto rende noto la banca in una comunicazione aggiornata, a circa 5,6 miliardi di dollari.

Le liquidità del fondo si fissano invece a 6,1 miliardi, il 61% dei mezzi investiti nel momento in cui le contrattazioni erano state sospese. Il versamento era atteso da un mese e aveva suscitato speculazioni sulle ragioni del ritardo. I prossimi importi derivanti dalla liquidazione saranno pagati "il più presto possibile" in una o più rate.

Lo scandalo - accoppiato a quello di un altro fondo, Archegos - ha fatto saltare diverse teste fra cui quella di Andreas Gottschling, presidente del comitato dei rischi, non ripresentatosi come candidato per il CdA. Sotto pressione, i vertici dell'istituto avevano annunciato nei giorni scorsi una riorganizzazione, che secondo analisti potrebbe comportare la cessione di attività, una scissione o una fusione.

Condividi