A Davos Xi Jinping aveva promesso l'apertura delle porte della Cina (Keystone)

"La Cina non rispetta i patti"

La Camera di commercio europea a Pechino denuncia gli ostacoli posti alle attività commerciali nel paese

martedì 19/09/17 13:46 - ultimo aggiornamento: martedì 19/09/17 13:46

Le promesse della Cina di aprire il proprio mercato non si concretizzano. A denunciarlo è la Camera di commercio europea del paese asiatico che esorta Pechino a abolire al più presto le restrizioni che ostacolano gli investimenti esteri, come annunciato dal presidente Xi Jinping a Davos durante l'ultimo WEF.

Il rapporto annuale della Camera presentato martedì in 400 pagine dettaglia barriere e incertezze che continuano a scoraggiare chi vuole operare nella seconda economia mondiale. "Le cifre parlano da sole: gli investimenti cinesi in Europa sono aumentati del 77% l'anno scorso, mentre gli investimenti dell'UE in Cina sono crollati del 23%", ha sottolineato il presidente Mats Harborn.

Le imprese UE "sono stanche di queste promesse", insiste il rapporto, esortando il regime a "sostituire parole con azioni concrete". In Europa i capitali cinesi vengono accolti con favore in numerosi settori: dalla chimica alla finanza. Pechino mantiene invece l'obbligo per gli stranieri di unirsi in joint venture con un partner locale. Ciìo che per molti si traduce in un divieto.

Diem/ATS

 

Seguici con