Jake Sullivan, nuovo consigliere per la sicurezza nazionale
Jake Sullivan, nuovo consigliere per la sicurezza nazionale (keystone)

Accordo con i talebani da rivedere

Washington lo ha comunicato alla controparte afghana - L'intesa è la base per il ritiro delle truppe statunitensi e i negoziati fra Governo e insorti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Gli Stati Uniti intendono rivedere l'accordo di pace raggiunto lo scorso anno dall'amministrazione Trump con i talebani: lo ha detto il nuovo consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan alla sua controparte afghana nel corso di un colloquio telefonico, secondo quanto reso noto dalla Casa Bianca. Bisognerà valutare, in particolare, se gli impegni presi sono stati rispettati.

L'intesa, siglata il 29 febbraio scorso a Doha, doveva servire a spianare la strada al ritiro statunitense dal paese dopo 20 anni e a negoziati di pace fra gli insorti islamici e il Governo di Kabul, che sono iniziati il 12 settembre sempre nella capitale del Qatar, alla presenza dell'allora segretario di Stato Mike Pompeo. Un secondo round si è tenuto a inizio gennaio. La settimana scorsa, intanto, restavano in Afghanistan 2'500 soldati statunitensi, il livello più basso dall'inizio del conflitto dopo gli attentati dell'11 settembre 2001.

 

Le autorità afghane si erano altresì impegnate a liberare progressivamente migliaia di prigionieri talebani in cambio di una diminuzione delle violenze, che non c'è stata.

Condividi