Un soldato russo spara con un mortaio contro le postazioni ucraine nell'est del Paese invaso
Un soldato russo spara con un mortaio contro le postazioni ucraine nell'est del Paese invaso (Keystone)

Arriva Guterres, bombe russe su Odessa

Dopo l'annuncio della visita del segretario generale dell'ONU prevista venerdì, l'esercito di Mosca bombarda la regione. Ma i progressi della Russia sul terreno sono scarsi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Martedì il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha annunciato la sua intenzione di tornare a visitare l’Ucraina e, in particolare, la regione di Odessa venerdì. Passate poche ore, l’esercito russo ha bombardato pesantemente proprio l'oblast della metropoli sul Mar Nero. Domani, giovedì, il segretario generale dell'ONU avrà un incontro trilaterale con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan e, il giorno seguente, è in programma la visita al porto di Odessa e poi al Joint Coordination Center a Istanbul.

 

Secondo quanto precisano le autorità locali, diversi attacchi missilistici sono stati compiuti nella notte tra martedì e mercoledì, come riferisce il capo dell’amministrazione militare regionale Serhyi Bratchuk. Il Comando operativo meridionale dell’esercito ucraino ha precisato mercoledì mattina che il bombardamento ha provocato il ferimento di quattro persone, la distruzione di un centro ricreativo e diversi incendi in edifici abitativi e commerciali.

Nella notte di mercoledì, le forze d’invasione russe hanno bombardato pure i centri abitati di Nikopol e Kryvy Rih (la città natale di Zelensky), nel distretto di Dnipropetrovsk, più a nord. Sei abitazioni, una condotta del gas e svariati veicoli sono andati distrutti nelle esplosioni, che non hanno però provocato vittime nella popolazione civile.

Russi fanno pochi progressi nel Donbass

L’Istituto per lo studio della guerra americano (ISW) ha reso noto dal canto suo che nella giornata di martedì le forze russe hanno “condotto operazioni offensive senza successo nella regione a nord e nord-ovest dell’Oblast di Kherson”. L’ISW segnala inoltre che i soldati di Mosca hanno compiuto attacchi anche nel Donbass, come a Sloviansk e a Siversk, ma non hanno guadagnato terreno, mentre hanno fatto progressi marginali a sud-ovest della città di Donetsk.

Intanto il governatore dell'Oblast di Donetsk, Pavlo Kyrylenko, ha riferito che le forze russe hanno ucciso due persone nelle comunità di Avdiivka e Zaitseve martedì.

E sempre secondo l'ISW, gli attacchi a posizioni russe in Crimea come quelli avvenuti martedì e nei giorni scorsi fanno parte di una più ampia controffensiva ucraina. Il think-tank americano ritiene che le esplosioni nella penisola occupata dai russi e nelle sue vicinanze “siano parte di una coerente controffensiva ucraina per riguadagnare il controllo della zona a occidente del fiume Dnipro”. Il Governo di Kiev non ha confermato il suo coinvolgimento in tali bombardamenti, ma l'istituto ritiene che abbiano indebolito le linee di rifornimento necessarie al sostegno delle truppe del Cremlino in Ucraina.

 

 
AFP/Reuters/ATS/EnCa
Condividi