USA: timida stretta sulle armi

TG di giovedì 08.04.2021

Biden vuole una stretta sulle armi

Il presidente statunitense prepara una serie di misure per limitarne la diffusione ma al Congresso non ha i numeri per varare provvedimenti più incisivi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il presidente Joe Biden ha illustrato giovedì una serie di misure per limitare la proliferazione delle armi da fuoco negli Stati Uniti, dopo che almeno cinque persone sono morte in una sparatoria avvenuta vicino a Rock Hill, nella Carolina del Sud.

La violenza compiuta per mezzo di pistole e fucili “è un’epidemia in questo paese, e questo è una vergogna internazionale”, ha dichiarato Biden, annunciando sei decreti per limitare la proliferazione di armi. Decreti che, tuttavia, hanno una portata limitata.

Biden nello specifico vuole mettere un freno alla diffusione delle “armi fantasma”, fabbricate e modo artigianale, e inasprire le regole per la detenzione di vari accessori, tra i quali gli stabilizzatori per armi da pugno che si fissano al braccio del tiratore (dispositivo impiegato in una recente sparatoria in Colorado).

Il presidente ha inoltre dato mandato affinché venga stilato un rapporto sul traffico di armi da fuoco dal 2000 in poi.

Il blocco del congresso

Biden è però consapevole che non ci sono i numeri al Congresso per varare leggi più incisive, e per questo non si è finora espresso in merito alla verifica dei precedenti penali o psichici di chi acquista un’arma e neppure sulla possibilità di vietare la vendita di fucili d’assalto ai privati.

Oltre 43'000 morti

Negli Stati Uniti, oltre 43'000 persone sono morte per mezzo di un’arma da fuoco, inclusi i suicidi, nel solo 2020, stando ai dati della Gun Violence Archive.

AFP/ludoC
Condividi