Un militare francese davanti alla basilica del Sacro Cuore di Parigi
Un militare francese davanti alla basilica del Sacro Cuore di Parigi (keystone)

"Bombe e armi chimiche"

Il primo ministro francese Manuel Valls lancia l'allarme per il rischio di attacchi batteriologici

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Francia potrebbe trovarsi a dover affrontare il rischio di attacchi chimici e batteriologici nella sua battaglia contro i militanti islamici. Lo ha dichiarato giovedì il primo ministro francese Manuel Valls.

Il primo ministro francese Manuel Valls
Il primo ministro francese Manuel Valls (keystone)

"Siamo in guerra, non una guerra di quelle a cui la storia ci ha abituato - ha detto Valls - Questa nuova guerra resta una guerra pianificata, condotta da un esercito criminale, quello che è nuovo sono i modi di operare, di colpire, di uccidere, che evolvono senza sosta".

"L'immaginazione macabra di chi dà gli ordini è senza limite: fucili d'assalto, decapitazioni, bombe umane, armi bianche", ha aggiunto, specificando che: "Oggi non bisogna escludere niente, e lo dico con tutte le precauzioni che si impongono ma lo sappiamo e lo abbiamo in mente, può esserci anche il rischio di armi chimiche e batteriologiche".

REUTERS/M.Ang.

Dal TG 12.30:

La Francia con il fiato sospeso

La Francia con il fiato sospeso

TG 12:30 di giovedì 19.11.2015

Condividi