Brexit: May chiede tempo

La premier britannica ha chiesto un posticipo al 30 giugno del divorzio del Regno Unito dall'Unione

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Theresa May ha proposto venerdì all'UE un posticipo della Brexit al 30 giugno. È quanto scrive in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, nella quale chiede un'estensione dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona, concernente appunto le procedure di uscita di Stati membri.

"Nel caso in cui le parti siano in grado di ratificare più velocemente, l'estensione sarà conclusa prima", assicura la premier britannica.

RG 12.30 del 05.04.2019 La corrispondenza di Giancarlo Ciccone
RG 12.30 del 05.04.2019 La corrispondenza di Giancarlo Ciccone

Il Governo resta sempre determinato a trovare un accordo che permetta di ritirarsi dall'UE entro il 22 maggio, in modo da non dover partecipare alle elezioni europee, ma "continuerà a fare preparazioni responsabili per organizzarle", se questo piano non risultasse possibile.

 

Secondo la BBC, che cita alti responsabili europei, Tusk starebbe pensando ad una proroga "flessibile" di un anno. Un summit straordinario dei leader dell'UE si terrà il 10 aprile.

Brexit, May chiede più tempo

Brexit, May chiede più tempo

TG 12:30 di venerdì 05.04.2019

Brexit, chiesto il rinvio

Brexit, chiesto il rinvio

TG 20 di venerdì 05.04.2019

 
ATS/Bleff
Condividi