Per i manifestanti la famiglia è solo quella formata da un uomo e una donna
Per i manifestanti la famiglia è solo quella formata da un uomo e una donna (ansa)

Chiuso il congresso della famiglia

Scesi in piazza i sostenitori di quella tradizionale, critici nei confronti delle unioni fra omosessuali e dell’aborto

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Si è chiuso domenica a Verona con una marcia per le vie della città il congresso mondiale della famiglia. Un evento che ha visto la partecipazione di associazioni di ispirazione religiosa arrivate da tutto il mondo, che si battono per la famiglia cosiddetta tradizionale, contro le unioni omosessuali e fortemente critiche nei confronti dell’aborto. Nel documento finale approvato oggi si chiede – tra le altre cose – una moratoria internazionale alla pratica dell’utero in affitto.

RG 18.30 del 31.03.2019: le voci dei partecipanti alla marcia nel reportage di Claudio Bustaffa
RG 18.30 del 31.03.2019: le voci dei partecipanti alla marcia nel reportage di Claudio Bustaffa
 

Ad organizzare il convegno di Verona è stato World Congress of families, con base in Illinois. L’associazione negli Stati Uniti è stata inserita nella lista di quelle che propagano l’odio: un elenco compilato ogni anno dal Southern Poverty Law Center, una delle più conosciute associazione statunitensi per i diritti civili. La portavoce, Heidi Bairich, spiega ai nostri microfoni: “La considerazione anti LGBT, poiché sia nelle dichiarazioni ufficiali che nei commenti del suo presidente, ha rilasciato dichiarazione diffamatorie nei confronti di lesbiche, gay, transessuali e bisessuali. Affermazioni del tipo ‘il modo di vivere dei gay è devastante’”.

 
RG/ludoC
Condividi