La sede dell'Interpol in Francia (keystone)

Controversa elezione all'Interpol

Alla presidenza è stato designato Ahmed Nasser Al-Raisi, generale degli Emirati Arabi Uniti su cui pendono diverse accuse di tortura

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il generale degli Emirati Arabi Uniti Ahmed Nasser Al-Raisi, bersaglio di denunce di tortura in cinque paesi tra cui Turchia e Francia, è stato eletto presidente dell'Interpol giovedì, con grande sgomento degli attivisti dei diritti umani i quali ritengono che la sua elezione metta a repentaglio la missione dell'organizzazione. "Ahmed Nasser Al-Raisi (...) è stato eletto presidente", ha scritto l'organizzazione di cooperazione di polizia su Twitter, mentre l'assemblea generale dell'Interpol si teneva a Istanbul martedì.

"Siamo profondamente convinti che l'elezione del generale Al-Raisi danneggerebbe la missione e la reputazione dell'Interpol e comprometterebbe seriamente la capacità dell'organizzazione di svolgere efficacemente la sua missione", avevano scritto a metà novembre tre europarlamentari, tra cui Marie Arena, presidente della sottocommissione per i diritti umani del Parlamento europeo, al presidente della Commissione UE Ursula Von der Leyen.

AFP/Bleff
Condividi