La nuova giudice della Corte Suprema Amy Coney Barrett (Keystone)

Corte Suprema, eletta Amy Coney Barrett

Il Senato statunitense, controllato dai repubblicani, ha approvato la nomina della giudice conservatrice

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha una nuova giudice. Il Senato, a otto giorni dalle presidenziali, ha confermato lunedì la nomina di Amy Coney Barrett, la candidata voluta dal presidente Donald Trump.

Tutti i rappresentanti repubblicani tranne uno l'hanno sostenuta. A nulla è valsa l'opposizione dei democratici, che hanno accusato la controparte di ipocrisia: quattro anni fa, quando morì in febbraio il giudice Antonin Scalia, il Senato già allora a maggioranza repubblicana si rifiutò per un anno di eleggere un successore, perché si era in campagna elettorale. La nomina toccò così a Trump e non al predecessore Barack Obama.

Coney Barrett, ex docente universitaria appena 48enne, prende il posto di Ruth Bader Ginsburg, deceduta a metà settembre. Questa elezione sposta gli equilibri della Corte Suprema in netto favore dei giudici conservatori, che sono ora sei su nove. I magistrati sono in carica a vita.

 
AS
Condividi