L'inquinamento provocato dagli aerei ormai preoccupa il mondo intero (keystone)

Germania, 50 miliardi per il clima

Più tasse sugli aerei, i biglietti dei treni, invece, costeranno meno. I provvedimenti a partire da gennaio

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Volare costerà di più, mentre il costo dei biglietti dei treni si abbasserà. Lo ha deciso il Governo tedesco che prevede, a partire dal gennaio 2020, aumenti dell'IVA sui biglietti aerei e una diminuzione sulle tariffe ferroviarie. Sono queste, alcune delle misure in sostegno del clima  decise dall'Esecutivo di coalizione in Germania, che confermano la direzione a favore di una mobilità sostenibile emersa nei giorni scorsi sulla stampa.

La Grosse Koalition al Governo non farà nuovi debiti e manterrà il pareggio di bilancio anche nel varare il pacchetto di misure per il clima. Secondo la Sueddeutsche Zeitung, l'insieme di provvedimenti costerà 50 miliardi di euro.

Nel nuovo pacchetto del Governo, che ha raggiunto l'accordo dopo una lunga trattativa, è previsto tra l'altro l'introduzione dal 2021 del sistema del commercio dei certificati di emissione, come in UE. Dal 2021 inoltre la benzina e il diesel saranno più cari di 3 centesimi mentre dal 2026 di 10 centesimi al litro.

I vertici della coalizione hanno anche trovato un accordo sul divieto di installazione del riscaldamento a gasolio a partire dal 2025. Chiunque sostituisca un vecchio impianto a gasolio con un modello più eco-compatibile avrà un sostegno per coprire il 40% dei costi.

Gli organizzatori di Fridays for Future, però, sono critici nei confronti del pacchetto di misure concordato dal Governo tedesco. "Se non fai nulla per la protezione del clima per anni e dopo enormi pressioni di mesi da parte della popolazione si discute di misure che non hanno assolutamente nulla a che fare con gli 1,5 gradi, questo non è un "passo avanti", ma uno scandalo", ha detto via twitter un organizzatore.

Intanto si registra un grande successo delle manifestazioni di Fridays for Future in corso in Germania. A Berlino i partecipanti al momento sono 80'000 (100'000 per gli organizzatori). A Monaco per le strade della città sono sfilati in 25'000, a Brema 30'000. Anche in centri più modesti, come Kiel, in piazza sono scese 10'000 persone.

ATS/ANSA/M. Ang.

  

Condividi