Il presidente afghano Ashraf Ghani
Il presidente afghano Ashraf Ghani (Reuters)

Ghani: "Talebani liberi? Parliamone"

Il presidente afghano frena sull'amnistia per 5'000 affermando che non c'è ancora nessun impegno in tal senso. Un chiaro sì, invece, alla tregua

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Non c'è nessun impegno da parte del Governo per liberare 5’000 prigionieri talebani". Lo ha detto il presidente afghano, Ashraf Ghani, all'indomani dello storico accordo di pace firmato tra Stati Uniti e talebani e respingendo dunque una delle componenti chiave dell'intesa che porrebbe fine a 19 anni di guerra nel Paese.

"Non ci siamo impegnati a scarcerare tali prigionieri", ha detto Ghani, ribadendo che "questo è il diritto e la volontà del popolo afghano. Potrebbe essere incluso nell'agenda dei colloqui intra-afgani, ma non può essere un prerequisito per le trattative", ha precisato il presidente dell’Afghanistan.

Ashraf Ghani ha inoltre rimarcato che la tregua parziale di una settimana è stata prolungata in vista di un cessate il fuoco completo. "La riduzione delle violenze continuerà con lo scopo di raggiungere una tregua definitiva", ha concluso il capo di Stato afghano.

ATS/AFP/Reuters/EnCa
Condividi