La sede della Federal Reserve a Washington (KEYSTONE)

Il Covid-19 preoccupa la Fed

La banca centrale americana lascia i tassi invariati, preoccupata per l'impatto economico della pandemia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Federal Reserve ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse, ribadendo le proprie preoccupazioni sull’impatto che la pandemia di Covid-19 avrà sull’economia americana e mondiale nei mesi a venire. Il tasso direttore a corto termine resta fermo in una forchetta tra lo 0 e lo 0,25%. La banca centrale degli Stati Uniti teme che il virus continuerà a pesare in modo significativo sull’attività economica e sulle prospettive occupazionali.

La situazione “dipenderà in modo significativo dall’andamento del virus”, si legge nel comunicato finale, ed è una novità rispetto alle precedenti riunioni. “Un pieno recupero è improbabile fino a quando le persone non avranno fiducia che è sicuro intraprendere una vasta serie di attività”. In questo quadro di sostanziale incertezza è difficile per anche solo decidere la politica di tassi. La Fed non ha annunciato nuove misure ma ha ribadito di essere intenzionata “a fare pieno uso di tutti gli strumenti” a disposizione per sostenere l’economia.  

E’ atteso per giovedì alle 14.30 (ora svizzera) il dato sull’evoluzione del PIL statunitense nel secondo semestre dell’anno. Secondo il presidente della Fed, Jerome Powell, la contrazione sarà probabilmente la maggiore della storia.

tm
Condividi