Per il sesto giorno consecutivo migliaia di persone sono scese in piazza in diverse città statunitensi (Keystone)

Il coprifuoco non ferma la protesta

Negli Stati Uniti continuano le manifestazioni e gli scontri. Mobilitati anche 5'000 uomini della Guardia nazionale

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Ancora proteste, disordini e arresti negli Stati Uniti, scatenati dalla morte dell'afroamericano George Floyd durante un fermo di polizia a Minneapolis. Derek Chauvin, l'agente bianco coinvolto nell'uccisione del 46enne, è atteso in tribunale nel corso della giornata di oggi, lunedì.

RG 12.30 dell'01.06.2020 L'analisi di Mario Del Pero, professore di relazioni internazionali all'Istituto di studi politici di Parigi, grande conoscitore degli Stati Uniti
RG 12.30 dell'01.06.2020 L'analisi di Mario Del Pero, professore di relazioni internazionali all'Istituto di studi politici di Parigi, grande conoscitore degli Stati Uniti
 

Nonostante il coprifuoco indetto in decine di città, Washington compresa, decine di migliaia di persone sono ancora una volta scese in piazza. In 15 stati e nel distretto di Columbia sono arrivati in supporto delle autorità oltre 5'000 membri della Guardia nazionale.

A Washington migliaia di persone si sono radunate davanti alla Casa Bianca blindata. I poliziotti hanno usato diverse volte i lacrimogeni, i gas urticanti e le granate stordenti per disperdere la folla, mentre alcuni manifestanti hanno acceso roghi e danneggiato diversi edifici.

Secondo il New York Times, durante le prime proteste di venerdì gli agenti dei Servizi segreti hanno portato il presidente Trump in un bunker sotterraneo della Casa Bianca per quasi un'ora.

Anche a New York migliaia di persone sono scese in piazza, in particolare a Manhattan e a Brooklyn. Secondo alcune fonti, nella notte di sabato è stata arrestata anche Chiara de Blasio, la figlia 25enne del sindaco di New York.

Durante il fine settimana la polizia ha arrestato in totale 2'564 persone in una ventina di città statunitensi, di cui circa un quinto è finito in manette a Los Angeles. Le accuse includono la violazione del coprifuoco, furto e danneggiamento.

Continuano le proteste negli USA

Continuano le proteste negli USA

TG 12:30 di lunedì 01.06.2020

 
ATS/EBe
Condividi