La presidente boliviana Jeanine Añez ha imposto misure severissime nella nazione (Reuters)

Il virus blocca la Bolivia

Misure severissime nella nazione latinoamericana per frenare l'espansione del Covid-19. E il Venezuela chiede lo sblocco dei suoi conti all'estero

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La presidente della Bolivia Jeanine Añez ha dichiarato mercoledì sera lo stato di emergenza sanitaria in tutto il territorio nazionale. La misura è motivata dallo scarso rispetto da parte della popolazione della quarantena e rimarrà in vigore fino al prossimo 15 aprile. In tutta la nazione si contano al momento 39 contagi.

La più severa delle misure adottate prevede che i boliviani potranno uscire di casa una volta la settimana, per provvedere agli acquisti dei generi di prima necessità, alimentari e medicine.

La rotazione sarà regolata dall'ultimo numero del documento di identità. Misure ancor più restrittive saranno valide nel weekend, tanto che sabato e domenica sarà proibita ogni uscita da casa.

Il Venezuela chiede lo sblocco dei suoi conti esteri

Sempre in Sudamerica, il Venezuela, che conta al momento poco più di 100 contagi ha lanciato un appello alla comunità internazionale affinché sospenda, per ragioni umanitarie, le sanzioni economiche imposte alla nazione. La vicepresidente Rodriguez ha richiesto in particolare lo sblocco dei conti bancari da parte di diversi Stati.

Condividi