Un sito di produzione del carbone a Omsk
Un sito di produzione del carbone a Omsk (Reuters)

In vigore l'embargo sul carbone russo

La misura era stata decisa in aprile sulla scorta dell'invasione dell'Ucraina, ma con un periodo transitorio di 120 giorni

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Scaduto il periodo di transizione di 120 giorni, l'embargo contro il carbone russo decretato in aprile dall'Unione Europea, sulla scorta dell'invasione dell'Ucraina, è entrato in vigore alla mezzanotte di mercoledì, sullo sfondo di preoccupazioni crescenti per l'approvvigionamento energetico. Solo i contratti conclusi prima del 9 aprile hanno potuto essere onorati nel corso degli ultimi quattro mesi.

Si tratta della prima sanzione che i Ventisette avevano adottato nei confronti delle forniture energetiche russe, prima di quella progressiva sugli acquisti di petrolio entro fine anno.

Crimea, incidente o sabotaggio?

Crimea, incidente o sabotaggio?

TG 20 di mercoledì 10.08.2022

 

L'anno scorso l'UE ha comprato il 45% del suo carbone in Russia, per un valore di 4 miliardi di euro, anche perché a fronte di una riduzione del consumo di questa fonte fossile particolarmente inquinante (sceso di due terzi fra il 1990 e il 2020), l'Europa ha chiuso nel frattempo numerose miniere, aumentando la sua dipendenza dalle importazioni, che per quanto riguarda il carbon fossile russo sono passate nel medesimo lasso di tempo da 8 a 43 milioni di tonnellate.

Di fronte alla penuria di gas, inoltre, diversi Paesi membri hanno accresciuto il ricorso alle centrali a carbone per produrre elettricità negli ultimi mesi. È il caso di Italia, Austria, Paesi Bassi e soprattutto Germania, dove la quantità corrente di questa provenienza è salita del 20% in 5 mesi e si è passati dal carbon fossile alla lignite.

Guy Parmelin parla di gas

Guy Parmelin parla di gas

TG 20 di martedì 02.08.2022

 

L'embargo che ora diviene totale spinge gli europei ad approvvigionarsi altrove: gli Stati Uniti hanno portato la loro quota al 17,5% nel primo semestre, ma ci sono anche Australia, Sudafrica e Indonesia. Se nel caso tedesco l'orientamento verso altri mercati sembra riuscito, la virata pesa invece sulla Polonia, che pur essendo il Paese produttore dominante fra i Ventisette è un'importatrice netta. Il Governo ha vietato l'acquisto in Russia già da metà aprile, ma ha dovuto intervenire per contrastare penuria e aumento dei prezzi: la tonnellata vale ora quattro volte di più di un anno fa e crescono le preoccupazioni per le forniture necessarie a superare l'inverno.

Per quanto riguarda l'impatto sull'economia russa, invece, l'effetto è molto più limitato rispetto alle restrizioni sul petrolio, non solo per le cifre in gioco ma anche perché il principale acquirente di Mosca è l'India, che continua a comprare come e più di prima (+70% fra giugno e luglio).

AFP/pon
Condividi