Auto spente contro il caro benzina (reuters)

Iran, morti per la benzina

Due persone sono state uccise e molte altre ferite durante le proteste in corso da venerdì contro i rincari

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Due persone sono state uccise e molte altre ferite in Iran durante le proteste in corso in diverse città del paese da venerdì sera contro l'aumento dei prezzi e il razionamento della benzina.

Il procuratore dello Stato in Iran, Mohammad Jafar Montazeri, ha lanciato un monito ai manifestanti, accusando gli agitatori di essere agenti stranieri che intendono fomentare i disordini. Saranno trattati da criminali, ha aggiunto, stando a quanto riferito dall'agenzia di stampa degli studenti iraniani ISNA.

Continuano inoltre le segnalazioni non ufficiali di altre vittime, comprese due a Khorramshahr e Karaj.

La protesta contro l'aumento del prezzo del carburante ha interessato anche Teheran. La città è in preda agli ingorghi causati da un modo inedito di manifestare contro il Governo, che ha spinto le autorità a chiudere le scuole e, di conseguenza, a diminuire il traffico in città. Nella capitale della Repubblica Islamica coloro che sono alla guida di auto comunicano le modalità di protesta attraverso la app Waze, indicando dove spegnere l'auto e causare l'ingorgo.

ats/joe.p.

Proteste in Iran, parla l'Ayatollah

Proteste in Iran, parla l'Ayatollah

TG 12:30 di domenica 17.11.2019

Condividi