Immagine d'archivio (reuters)

Israele, sì a immigrazione di 2'000 etiopi

Appartengono alla comunità ebraica dei falasha. Potranno stabilirsi nel Paese per ragioni di ricongiungimento familiare

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il Governo israeliano ha dato l’assenso all’immigrazione nello Stato ebraico di oltre 2'000 etiopi di religione ebrea, della comunità dei falasha. Il via libera è stato dato per motivi di ricongiungimento familiare.

I falasha non beneficiano della legge sul ritorno, che permette agli ebrei della diaspora di immigrare in Israele e di acquisirne la cittadinanza. Ciononostante, il Governo ha stilato nel 2015 una lista di 9'000 etiopi ai quali era stato concesso, sull’arco di 5 anni, di entrare in Israele.

La comunità falasha, in Israele, conta oltre140’000 persone, delle quali oltre 50'000 sono nate nel Paese. Circa 80'000 ebrei etiopi sono entrati nelle Stato ebraico grazie a due ponti aerei organizzati nel 1984 e nel 1991.

 

AFP/ludoC
Condividi