L'autista di quest'ambulanza indossa la protezione completa mentre è attivo in Lombardia (Reuters)

Italia, 14 morti e 37 guarigioni

Aumentano le vittime del coronavirus ma in Lombardia decine di persone sono guarite dal morbo. A Bologna l'Università "trasloca" su Internet

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Sono saliti a 14 i morti per il coronavirus in Italia, “ma si attendono gli esiti degli accertamenti per l'ufficialità”. Lo ha dichiarato giovedì il capo della Protezione civile italiana, Angelo Borrelli, in occasione dell’aggiornamento della situazione con i media. Durante l’incontro Borrelli ha segnalato come siano “ora 528 i positivi al coronavirus”.

Il responsabile della Protezione civile ha poi precisato che finora sono 12 le regioni in cui si registrano contagiati dal coronavirus. In Lombardia vi sono 305 positivi, in Veneto 98, in Emilia Romagna 97. Seguono la Liguria con 11, Lazio, Sicilia e Marche con 3, Toscana, Campania e Piemonte con 2 e infine Trentino Alto Adige (Bolzano) e Abruzzo con una persona positiva. Di questi, ha specificato Angelo Borrelli, "474 sono assistiti in un ospedale, 278 in isolamento domiciliare, 159 ricoverati con sintomi, 37 in terapia intensiva". Borrelli ha tuttavia rimarcato che “dalla Lombardia c'è una buona notizia, ovvero che 37 persone contagiate sono guarite”.

Polemiche per Fontana con la mascherina mentre l'Università di Bologna si sposta online

E ha scatenato polemiche la scelta del governatore Lombardo ed ex sindaco di Varese Attilio Fontana di autoisolarsi e di indossare una mascherina, dopo che mercoledì sera una sua collaboratrice è risultata positiva al coronavirus. L'ex ministro Carlo Calenda lo ha definito "un irresponsabile" dato che a suo avviso il sistema economico italiano è "ulteriormente e drammaticamente danneggiato" dall'immagine di Fontana con la mascherina. Altre critiche sono giunte dal Gruppo 5 Stelle nel Consiglio regionale lombardo, per i quali "la mascherina davanti al computer" mostrata dal governatore "ha creato inutilmente tensione".

Da lunedì 2 marzo l'Università di Bologna sperimenterà una modalità di lezioni, esami e sedute di laurea online. Inizialmente la novità riguarderà il 30-40% dei circa 3'500 insegnamenti previsti per il secondo semestre, ma l'obiettivo è andare a regime nelle prossime due settimane. Ad annunciarlo, giovedì, è stato il rettore Francesco Ubertini.

Coronavirus e istituzioni lombarde

Coronavirus e istituzioni lombarde

TG 12:30 di giovedì 27.02.2020

 
ANSA/Reuters/EnCa
Condividi