Salvini, Conte e Di Maio
Salvini, Conte e Di Maio (ansa)

Italia già in campagna elettorale

Salvini teme un "inciucio" fra PD e M5S e intanto presenta la mozione di sfiducia

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il giorno dopo l'avvio della crisi, è già piena campagna elettorale. Il vicepremier Matteo Salvini (Lega) teme un "inciucio" fra Partito democratico (PD) e Movimento 5 Stelle (M5S). Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte risponde chiedendo ai presidenti delle Camere di poter intervenire con sue comunicazioni che potrebbero, teoricamente, troncare sul nascere il dibattito, qualora il premier annunciasse la sua intenzione di recarsi dal presidente della Repubblica per dimettersi.

I pentastellati accusano Salvini di essere un giullare e un traditore, lo accusano di aver accelerato la rottura per evitare l'approvazione della legge sul taglio del numero dei parlamentari. Conte si è invece preso una giornata di riflessione. La presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ha convocato i capigruppo per lunedì, per stabilire la data del voto di sfiducia, atteso, al momento, per dopo Ferragosto. La Lega ha già presentato la sua mozione: "Troppi no", come quello "clamoroso e incredibile alla TAV (la linea ferrovia per treni ad alta velocità tra Torino e Lione), fanno male all'Italia", c'è scritto.

L'agenzia di rating Fitch intanto conferma la propria nota sui titoli del debito pubblico italiano a BBB con outlook negativo. Sul Paese pesano l'alto debito pubblico, la bassa crescita del PIL (che secondo l'agenzia quest'anno sarà dello 0,1%) e la generale incertezza politica. "Il futuro governo non si allontani dalle regole dell'UE" conclude Fitch.

joe.p./tm

Condividi