Intanto non si placano le proteste contro la prigionia di Osman Kavala in molti Paesi
Intanto non si placano le proteste contro la prigionia di Osman Kavala in molti Paesi (Keystone)

Kavala, ultimatum alla Turchia

Lo ha formulato il Consiglio d'Europa: Ankara rischia severe sanzioni se non libera l'oppositore del presidente Erdogan

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La Turchia rischia di essere severamente sanzionata se non interviene immediatamente per liberare Osman Kavala, il filantropo e oppositore del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, così come richiesto da una sentenza della Corte europea dei diritti umani (CEDU).

E’ l'ultimatum lanciato dal comitato dei ministri del Consiglio d'Europa che ha notificato ad Ankara l'intenzione di aprire una procedura d'infrazione se il caso Kavala non sarà stato risolto entro il 22 febbraio 2022.

Finora la procedura d'infrazione è stata utilizzata una sola volta, nei confronti dell'Azerbaigian che si rifiutava di liberare un oppositore, ed è messa in moto dal Comitato dei ministri quando uno Stato si rifiuta di ottemperare a quanto deciso dalla Corte di Strasburgo.

Se la Turchia non agisce per liberare Kavala e mettere fine al processo contro di lui, il comitato chiederà alla CEDU di decidere se il Paese stia violando il suo dovere di fare quanto richiesto. Se la risposta dovesse essere affermativa, la Turchia potrebbe rischiare addirittura l'espulsione dal Consiglio d'Europa.

 
ATS/AFP/EnCa
Condividi