Khashoggi è stato ucciso nella sede diplomatica dell'Arabia Saudita a Istanbul (keystone)

Khashoggi, omicidio premeditato

L'Arabia Saudita ammette l'assassinio del giornalista. Parlamento europeo chiede inchiesta internazionale ed embargo sulle armi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un procuratore saudita ha confermato che l'omicidio di Jamal Khashoggi è stato premeditato. Lo riferisce la TV al Ekhbariya di Riad, ripresa dai media turchi. Si tratterebbe della prima ammissione da parte di Riad che, finora, aveva parlato di una morte a seguito di una "colluttazione", escludendo che il delitto del giornalista dissidente fosse stato pianificato.

 

Secondo la tv, i magistrati sauditi stanno interrogando i sospetti arrestati in relazione all'omicidio del reporter sulla base delle informazioni trasmesse dalla task force turco-saudita che sta effettuando le indagini a Istanbul.

Intanto anche dal Parlamento europeo (PE) giunge una forte condanna per l'omicidio del giornalista saudita. Con una risoluzione non legislativa, e quindi non vincolante, il PE ha chiesto un'inchiesta internazionale indipendente sul caso e ha sollecitato gli Stati membri UE a imporre un embargo a livello europeo sulla fornitura di armi all'Arabia Saudita.

 

Strasburgo ha anche chiesto agli Stati membri di essere pronti a imporre sanzioni mirate, incluso il blocco dei visti ed il congelamento degli asset verso personalità saudite se i fatti saranno accertati.

ATS/M. Ang.

 

 

Condividi