Piccioni tentano di scaldarsi tra loro nel freddo di Buffalo (Stato di New York)
Piccioni tentano di scaldarsi tra loro nel freddo di Buffalo (Stato di New York) (Reuters)

L'America nella morsa del gelo

Il vortice polare ha investito una vasta area degli USA portando un freddo che non si sentiva da anni. Cinque morti, chiusi uffici pubblici e scuole

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Un vortice polare si è abbattuto su parte degli Stati Uniti con un'ondata di gelo che secondo i meteorologi non si registrava da una generazione. Una emergenza che interessa 90 milioni di americani e che finora ha causato almeno cinque morti, la cancellazione di oltre 2'000 voli e di decine di collegamenti ferroviari, nonché la chiusura di centinaia di edifici pubblici e scuole.

Le aree più colpite sono quelle del Midwest, dove Wisconsin, Michigan e Illinois hanno dichiarato lo stato di emergenza per le abbondanti nevicate e temperature che possono arrivare a -40 °C, con venti gelidi che fanno percepire ancora più freddo.

Le autorità hanno invitato a non uscire se non per necessità, pure per il rischio di congelamenti nel giro di 10 minuti. La città simbolo dell'emergenza è Chicago, dove i residenti sono stati avvisati che li aspetta un periodo di gelo estremamente pericoloso benché siano abituati agli inverni rigidi. Ma è un allarme che riguarda anche zone più a nord-est e persino alcuni Stati molto più a sud, come Alabama e Georgia, dove è prevista tanta neve.

Il freddo in Georgia potrebbe avere ripercussioni anche sul Super Bowl, la finalissima tra New England Patriots e Los Angeles Rams che si giocherà il 3 febbraio ad Atlanta. Nelle prossime ore sono attese abbondanti nevicate e la metropoli rischia la paralisi. I residenti temono che la folla, già in arrivo in città per la partita, crei ingorghi su strade che già di per sé saranno poco praticabili a causa del manto bianco che le rivestirà.

 
AFP/Reuters/ANSA/EnCa
Condividi