Il sito di Palmira
Il sito di Palmira (reuters)

L'IS riconquista Palmira

I raid russi non sono bastati ad impedire alle forze del Califfato di riprendere la città siriana in un'offensiva improvvisa

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

L'IS è tornato domenica tra le rovine romane di Palmira, già teatro di alcune delle peggiori atrocità e atti di vandalismo durante una prima occupazione tra il 2015 e il marzo di quest'anno. I raid russi non sono bastati ad impedire alle forze del Califfato di riprendere la città siriana in un'offensiva massiccia e improvvisa..

Mentre tutta l'attenzione delle cancellerie internazionali - e dell'esercito di Damasco - era concentrata sulla tragica battaglia di Aleppo, dove anche domenica sono continuati i bombardamenti, i miliziani del Califfato hanno messo insieme una forza di migliaia di uomini che ha sbaragliato la resistenza delle forze lealiste in soli quattro giorni.

Ora torna l'incubo per possibili nuove distruzioni di antichi monumenti in quello che è uno dei siti archeologici più importanti del Medio Oriente e patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO. Durante la loro prima occupazione i miliziani del Califfo Abu Bakr al Baghdadi avevano demolito l'Arco di Trionfo ed i templi di Baal Shamin e di Bel. I jihadisti avevano inoltre usato il teatro romano per le esecuzioni pubbliche e ucciso l'ottantunenne ex direttore del sito, Khaled al Asaad.

ats/joe.p.

dal TG 20 del

L'Isis riconquista Palmira

L'Isis riconquista Palmira

TG 20 di domenica 11.12.2016

Condividi