La torre che ospitava Al Jazeera e AP a Gaza City colpita dai missili israeliani
La torre che ospitava Al Jazeera e AP a Gaza City colpita dai missili israeliani (reuters)

L'ONU: "Combattimenti spaventosi"

Il segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto il cessate il fuoco, mentre le ostilità tra israeliani e palestinesi continuano - Più di 50 bambini tra le vittime

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Il conflitto israelo-palestinese sta andando verso una "crisi umanitaria e di sicurezza incontenibile". Ad affermarlo è stato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, parlando durante la riunione d'emergenza del Consiglio di sicurezza dell'ONU convocata per oggi, domenica, dopo un'escalation delle violenze. La notte scorsa, gli attacchi aerei israeliani hanno ucciso 42 persone nella Striscia di Gaza.

"I combattimenti rischiano di trascinare israeliani e palestinesi in una spirale di violenza con conseguenze devastanti per entrambe le comunità e per tutta la regione", ha detto Guterres, chiedendo il cessate il fuoco a entrambe le parti e parlando di ostilità "assolutamente spaventose". Fino ad ora, gli sforzi per stabilire una tregua guidati da Egitto, Qatar e Nazioni Unite non hanno portato risultati.

 

Oggi il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha ribadito che gli attacchi "contro le organizzazioni terroristiche" andranno avanti "con piena forza" e che "ci vorrà del tempo" prima che si torni alla calma. Netanyahu ha anche dichiarato di avere l'appoggio della comunità internazionale: soprattutto degli Stati Uniti.

 

Da lunedì - giorno in cui sono scoppiati gli scontri - a oggi, il bilancio è di 181 morti tra i palestinesi, di cui 52 bambini. In Israele invece le vittime sono 10, tra cui due bambini uccisi dai razzi lanciati da Hamas e da altri gruppi di combattenti. A Gaza i bombardamenti hanno distrutto o danneggiato diverse scuole e ospedali. I missili israeliani hanno anche abbattuto un edificio che ospitava le redazioni giornalistiche di Al Jazeera e dell'Associated Press. Il rischio, ora, è che l'enclave palestinese resti senza acqua e senza corrente elettrica, quindi al buio.

Un uomo palestinese porta il figlio ferito a Gaza City
Un uomo palestinese porta il figlio ferito a Gaza City (keystone)

Quella di questi giorni è la situazione più grave dal 2014. Da lunedì a oggi, dalla Striscia di Gaza sono stati lanciati circa 3'000 razzi verso la zona centrale e meridionale di Israele, dove le sirene anti-missili sono risuonate anche domenica sera, mentre le ostilità non accennano a diminuire.

Situazione molto critica

Situazione molto critica

TG di lunedì 17.05.2021

 
Reuters/AFP/eb
Condividi