La Cina oscura il basket

Stop di Pechino alla diffusione della NBA, dopo un tweet in favore dei manifestanti di Hong Kong

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La televisione di stato cinese (CCTV) ha sospeso la trasmissione delle partite della NBA, la lega professionistica americana di basket, decisione da ricondurre alla crisi innescata Daryl Morey, manager della squadra di pallacanestro degli Houston Rockets. Questi aveva espresso venerdì via Twitter il suo sostegno alle proteste pro democrazia che stanno scuotendo Hong Kong da quattro mesi.

Alle minacce e alle proteste cinesi è seguita la presa di posizione del direttore della NBA Adam Silver in favore di Morey e della libertà d'espressione. Una dichiarazione che ha fatto infuriare Pechino, che che parla di attacco alla sovranità nazionale, e che ha spinto la CCTV ad agire.

Si tratta di un colpo non da poco per la NBA, considerando la valanga di critiche sollevate in Cina, mercato a maggiore crescita per il business della popolare lega del basket americano.

La Cina oscura le partite di NBA

La Cina oscura le partite di NBA

TG 20 di martedì 08.10.2019

 
ATS/AFP/Sil
Condividi