La vignetta che divide

Nel Voralberg in Austria si vorrebbero rendere gratuiti cinque tratti autostradali sul confine con la Svizzera; inquietudine a Diepoldsau

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Tra meno di un mese circolare su cinque tratti di autostrada in Austria sarà probabilmente gratuito. Una camera del parlamento austriaco ha infatti deciso che per i 25 chilometri tra Hörbranz e Hohenems nella regione del Vorarlberg non sarà più necessaria la vignetta. Questo test durerà almeno fino al 2021.

“Da 20 anni siamo confrontati col traffico di transito attraverso l’agglomerato Bregenz, traffico fatto di veicoli tedeschi diretti verso la Svizzera e l’italia. – dichiara alla RSI Marco Tittler, Ministro dei trasporti del Voralberg - Ora vogliamo analizzare che effetti ha lo spostamento di questo traffico dalle strade secondarie all’autostrada".

La misura è stata accolta favorevolente in Baviera e dai turisti tedeschi che non dovranno più scegliere vie secondarie per evitare pagamenti prima di imboccare l'A13.

Non piace invece ai comuni dove verrà convogliato tutto quel traffico, prima distribuito su più strade e più valichi tra il Vorarlberg e la Svizzera. In particolare a Diepoldsau, che si trova di fronte a dove finisce l'autostrada destinata a diventare gratuita.

“Non temiamo in particolare un maggior traffico di vacanzieri tra nord e sud e tra sud e nord, penso ai turisti tedeschi – ha detto alla RSI Roland Walter, sindaco di Diepoldsau -, ma pensiamo anche ai frontalieri che sceglieranno più spesso di passare attraverso le strade di Diepoldsau".

il sindaco, assieme ad alcuni comuni del Vorarlberg che rischiano di assorbire traffico parassitario, ha scritto una lettera a Vienna e al Governo del Land chiedendo, di mantenere la tassa.

“In passato abbiamo combattuto uno sconto del prezzo della vignetta e ciò ha permesso di ridurre di 800 veicoli al giorno il transito a Diepoldsau. – sottolinea Walter - Questa volta temiamo che il maggior volume di traffico legato alla revoca della vignetta sarebbe superiore".

Il 5 dicembre toccherà alla seconda camera del Legislativo austriaco confermare lo stralcio della vignetta.  

TG/SP
Condividi