Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov (keystone)

Lavrov: "UE soggiogata da dittatura USA"

Il ministro degli Esteri russo all'ONU: "Stati Uniti e alleati non danno libertà a nessuno, non è democrazia", e accusa l'Occidente di russofobia "grottesca"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"La russofobia dell'Occidente è senza precedenti" e "grottesca". Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov parlando all'Assemblea Generale dell'ONU sabato. "Invece del dialogo dobbiamo affrontare la disinformazione e le bugie dell'Occidente che minano la fiducia nelle leggi internazionali e nelle istituzioni internazionali", ha aggiunto Lavrov.

Lavrov ha definito la russofobia dell'Occidente "grottesca", accusando anche gli USA di comportarsi "quasi come inviati di Dio in Terra". "Non si tirano indietro dal dichiarare l'intenzione di infliggere non solo una sconfitta militare al nostro Paese, ma anche di distruggere la Russia", ha detto.

"A Washington c'è una dittatura e l'Europa è soggiogata", ha detto ancora. "La diplomazia è sostituita da sanzioni illegali. Gli USA e alleati non danno libertà a nessuno, non è democrazia", ha attaccato.

"I referendum sono basati su una richiesta del Governo locale, le condizioni sono state pubblicate e dopo questi referendum la Russia rispetterà l'espressione della volontà del popolo di quei territori, che da lungo tempo soffre gli abusi del regime nazista" di Kiev, ha poi detto Lavrov rispondendo ad una domanda dell'ANSA a margine dell'Assemblea Generale ONU.

ATS/ANSA/Red.MM
Condividi