Boris Johnson ha fatto mea culpa, ma ha respinto l'ipotesi di dare le dimissioni
Boris Johnson ha fatto mea culpa, ma ha respinto l'ipotesi di dare le dimissioni (Keystone)

Londra, multe per i party illegali

La polizia conferma l'invio di venti sanzioni per la violazione delle regole contro il Covid-19; lo scandalo ha pesato sulla popolarità di Johnson

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

La polizia di Londra ha annunciato martedì di aver inflitto venti multe per violazione delle regole contro il Covid-19 a seguito delle indagini sui party organizzati nei circoli del potere britannico in pieno lockdown, scandalo che aveva indebolito il primo ministro Boris Johnson.

"Inizieremo a inviare venti multe per violazione delle normative Covid-19 in queste ore", ha affermato Scotland Yard in una dichiarazione sull'indagine su una dozzina di raduni nel 2020 e nel 2021, senza specificare chi fossero le persone interessate.

Boris Johnson, la cui popolarità è diminuita drasticamente dopo questo scandalo, aveva fatto il suo mea culpa davanti ai deputati ma ha escluso qualsiasi dimissioni, basandosi sulle conclusioni delle indagini di polizia.

Le forze di polizia hanno precisato di non aver completato le indagini su questo caso, promettendo di fare tutto per farle progredire "rapidamente". Ulteriori sanzioni potrebbero seguire se vi fossero prove sufficienti di violazioni, ha dichiarato un portavoce.

 
ATS/EnCa
Condividi