Uno degli adesivi comparsi sulle case di Pavia
Uno degli adesivi comparsi sulle case di Pavia (ansa)

"Marchiati" gli antifascisti

I raid per segnalare le case di attivisti a Pavia ricordano le infami scritte naziste sui negozi degli ebrei

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

"Qui ci abita un antifascista": è la scritta che compare sugli adesivi, stampati con caratteri utilizzati da formazioni neofasciste e neonaziste, attaccati nella notte tra venerdì e sabato all'ingresso delle abitazioni di diversi attivisti impegnati contro fascismo e razzismo a Pavia. Sugli adesivi compare il simbolo della rete antifascista barrato, come se si trattasse di un divieto.

I raid per segnalare le case degli oppositori a Pavia ricordano le infami scritte naziste e fasciste con le quali, negli anni '30, i seguaci di Hitler e Mussolini marchiavano i negozi degli ebrei. L'episodio di Pavia ha suscitato indignazione anche sui social network.

Il post pubblicato dall'associazione partigiani
Il post pubblicato dall'associazione partigiani (ANPI Pavia/Facebook)

Laura Boldrini, presidente della Camera dei Deputati, ha telefonato a Giacomo Galazzo, assessore alla cultura del comune di Pavia, per esprimere solidarietà a lui e a tutti gli altri pavesi.

“Ecco cosa succede quando si lasciano i neofascisti liberi di aprire sedi, fare manifestazioni e presentarsi alle elezioni, lasciando impunite le loro aggressioni squadriste. Sciogliere subito CasaPound e Forza Nuova", ha postato uno degli attivisti, Alessandro Caiani, in risposta all'atto intimidatorio subito.

Ansa/M. Ang.

Condividi